Mondiali 2022 in inverno? La smentita della FIFA: “Nessuna decisione è stata ancora presa”

Stamane, il segretario generale della Fifa, Jerome Valcke, aveva annunciato alla radio francese France Info che i Mondiali di Qatar 2022: Non si terranno in giugno-luglio, ma probabilmente tra il 15 novembre e il 15 gennaio al piu’ tardi, sollevando un ondata di polemiche, date le innumerevoli ripercussioni che una tale scelta potrebbe causare soprattutto sui campionati europei, sull’Europa League e sulla Champions League. Di sicuro non si trattava di una notizia ufficiale, ma visto che a darla era stato il numero due della Fédération Internationale de Football Association e che una tale decisione era stata proposta dai vertici FIFA già parecchi mesi fa, la dichiarazione era rimbalzata sui media di tutto il mondo.

http://agenciabrasil.ebc.com.br/galeria/2013-05-15/governo-federal-e-fifa-visitam-maracana#
Fonte: Tanya Rego / Agência Brasil

Dopo qualche ora, però, è arrivata, pronta, la smentita, con le parole di Delia Fischer, portavoce della Fifa, la quale puntualizza su come questa notizia corrisponda esclusivamente ad un “punto di vista personale” di Valcke, dal momento che “nessuna decisione in merito è stata ancora presa dalla FIFA“. La Fischer ha poi continuato, specificando che la questione non verrà decisa prima della fine dei mondiali brasiliani di quest’anno. Anzi, probabilmente la decisione definitiva verrà annunciata solo durante il comitato esecutivo della Fifa previsto per il dicembre 2014. Nel frattempo, la Fifa sta ascoltando tutte le parti interessate in merito a un eventuale spostamento della Coppa del Mondo dal tradizionale periodo estivo a quello invernale.

La Federazione internazionale dei calciatori professionisti (FIFpro), il sindacato internazionale dei calciatori, tramite il suo presidente, Philippe Piat, aveva giudicato eccellente la scelta comunicata da Valcke di giocare in inverno, “visto anche che il manuale di salute della FIFA prevede che (giocando) con una temperatura al di sopra dei 32 gradi esista un serio rischio per la salute dei giocatori“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy