Norvegia-Italia 0-2, le pagelle degli azzurri: Buffon spettatore, ma è ancora Zaza-show

L’Italia di Conte ha vinto per 2-0 nella prima uscita valida per le qualificazioni ad Euro 2016, contro la Norvegia. Ecco dunque le pagelle degli azzurri:

Fonte: Tommaso Naccari
Fonte: Tommaso Naccari
Buffon s.v.: La scarsa precisione delle conclusioni norvegese lo tiene poco impegnato, tuttavia è paragonabile a quella dei suoi rilanci. Presenza facile.
 
Ranocchia 6: Mette qualche pezza dove vede buchi.
 
Bonucci 6,5: Lucido e sicuro nei panni di regista arretrato. Assolve egregiamente il compito impostogli da Conte. Al 62′ è troppo libero per poter mancare la zuccata per il definitivo 2-0 e la terza marcatura in azzurro; ancora una volta va a segno alla prima partita di qualificazioni europee.
 
Astori 5,5: Non una prova brillantissima: spesso è in ritardo nelle chiusure e sbaglia in impostazione.
 
Darmian 5,5: Spinge di più rispetto al match con l’Olanda, ma con risultati risicati (dal 61′ Pasqual 6: Entra e si fa subito notare con un cross vincente, specialità del repertorio. Che debba fare da chioccia iniziale o meno, per il momento resta ben inserito nel giro).
 
Florenzi 5,5: Si arrabatta di continuo diventando all’occorrenza anche difensore aggiunto, ma alterna bei numeri ad interventi un po’ troppo frettolosi che lo portano anche ad un’ammonizione gratuita. Nella ripresa tende a sparire dal gioco e non riesce a capitalizzare di testa la palla per il 3-0. Nel complesso fatica a trovare la posizione (dall’87’ Poli s.v.).
 
De Rossi 6: Ordine quanto basta a centrocampo, dove però sembra soffrire la mancata vicinanza di incontristi puri.
 
Giaccherini 5,5: Cresce col passare dei minuti diventando finanche pungente in fase offensiva, poi cala nuovamente sbagliando anche nel fraseggio semplice.
 
De Sciglio 6: Rischia qualcosa in difesa e quando trova il fondo non riesce a dare il meglio di sé. Da apprezzare la ricerca della porta, ma quando viene dirottato a destra – per giunta per la prima volta da quando è in Nazionale – non cambia granché.
 
Immobile 6,5: Partita di sacrificio quella dell’attaccante del Dortmund: lavora per le verticalizzazioni degli azzurri e si conquista più di un piazzato importante. Esce per infortunio da bravo combattente.
 
Zaza 8: Conferma quanto di buono visto contro l’Olanda ribadendo anche l’intesa con il compagno di reparto, favorendo la profondità degli azzurri. Nei primi concitati minuti sfiora per poco il goal, ma la gioia della prima meritata realizzazione in azzurro è rimandata solo al 16′ grazie alla complicità di Nordtveit. Nel secondo tempo la sua fame da bomber sembra placata, ma non appena è possibile si scatena facendo tremare la Norvegia anche su una gamba sola. Balotelli chi? (dall’83’ Destro s.v.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy