Spareggi mondiali: vincono Portogallo, Ucraina e Grecia, pari fra Islanda e Croazia

 

Risultati aspettati e una sorpresa in queste gare d’andata degli spareggi mondiali.

Cristiano Ronaldo Fonte immagine: Ludovic Péron (Wikipedia)
Cristiano Ronaldo Fonte immagine: Ludovic Péron (Wikipedia)

Il Portogallo batte 1-0 la Svezia grazie alla rete all’81 di Cristiano Ronaldo. La gara rimane equilibrata, ma entrambe le squadre sono nervose e i falli si sprecano. Quando tutto sembrava orientato su un scialbo pareggio nonostante le numerose occasioni, ecco arrivare la zuccata vincente in tuffo dell’attaccante del Real Madrid sul cross di Veloso dalla sinistra che regala la vittoria ai Lusitani. La sfida è ancora aperta, e in Svezia sarà una partita di fuoco.

Il risultato clamoroso arriva Da Kiev, dove l’Ucraina batte 2-0 la Francia. Il primo tempo è molto acceso e le due squadre giocano alla pari. La Francia è ben messa in campo, anche se l’azione più pericolosa arriva dall’Ucraina. Nel secondo tempo arriva al 61′ il gol del vantaggio ucraino firmato da Zozulja, dopo una bella azione giostrata dalla compagine dell’Europa dell’est. Il 2-0 arriva all’83 per mano di un rigore di Yarmolenko, causato da un fallo di un pessimo Koscielny. Lo stesso difensore dell’Arsenal sarà espulso al 91′, aggravando ancora di più la situazione del transalpini. Al 95′ rosso anche all’ucraino Kucher. Nella sfida di ritorno servirà un miracolo per i francesi. Ma visti i precedenti, staremo a vedere.

La Grecia batte 3-1 la Romania e si avvicina notevolmente alla qualificazione. Dopo 14′ minuti gli ellenici passano in vantaggio grazie ad una zampata di Mitroglu, oggetto di desiderio di Roma e Lazio. Al 19′ però la Romani impatta con il colpo di testa di Stancu. Dopo 60′ secondi la Grecia torna in vantaggio grazia al colpo sotto porta di Salpingidis. Al 67′ ancora Mitroglu con un tiro al volto fissa il risultato sul 3-1.

La Croazia rimane bloccata in Islanda: 0-0 il risultato finale. Era stata annunciata la goleada dei croati, e invece gli islandesi resistono, anche in dieci al 50′ per l’espulsione rifilata a Skolason. Martedì si replica in Croazia, dove il pubblico potrà essere un fattore molto importante che andrà sicuramente a condizionare l’andamento della partita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy