Le Stati(calci)stiche: Cento per Conte

Quella che il tecnico della Juventus Antonio Conte ha disputato contro l’Hellas Verona è la gara numero cento sulla panchina bianconera, coincisa, come fa notare OptaPaolo, con la vittoria numero 70.

flickr.com-calciostreaming
flickr.com-calciostreaming

Un ruolino di marcia niente male per un allenatore vincente alla guida di una squadra vincente. Il 3 a 1 contro gli scaligeri arriva grazie al consueto avvio fulmineo: sono 18 i gol segnati dalle Zebre nella prima mezz’ora di gioco, più di ogni altro team nel campionato in corso. A festeggiare anche Fernando Llorente, giunto al sesto campionato in doppia cifra di marcature nelle ultime sette stagioni.

 

Allenatore che si avvia ad una probabile carriera come quella dello juventino è senz’altro Clarence Seedorf: dal suo arrivo il Milan ha raccolto 10 punti in campionato, solo la Juventus (11) ha fatto meglio nello stesso arco temporale. Di questi tre sono arrivati dalla sfida col Bologna, contro il quale i rossoneri non erano imbattuti da 10 incontri di Serie A: sei vittorie milaniste e quattro pareggi (incluso il 3-3 dell’andata). E tutto per merito di Mario Balotelli, autore del quattordicesimo goal segnati dal suo gruppo nell’ultimo quarto d’ora di gioco: un record in questo campionato. L’ariete bresciano ha totalizzato cinque reti da fuori area finora: più di ogni altro calciatore in questo campionato.

 

Ciò che subito era riuscito a Seedorf per la prima volta dopo la gestione Allegri, cioè due vittorie consecutive, è accaduto nuovamente anche a Mazzarri a partire da novembre 2013. L’Inter ha fatto bottino pieno su un campo davvero ostico, quello di Firenze. Le più grandi emozioni si sono viste di sicuro in attacco, almeno per quanto riguarda i nerazzurri: Rodrigo Palacio è l’unico terminale offensivo ad aver segnato goal nelle ultime 18 giornate di Serie A, mentre si segnala Mauro Icardi per aver segnato un rete ogni 19 tocchi di palla in questo campionato, meglio di ogni altro attaccante. Lo stesso non si può dire del reparto avanzato viola: nonostante il ritorno in campo dopo 153 giorni di assenza, Mario Gomez deve ancora recuperare lucidità: in 22 minuti contro i milanesi non ha mai toccato palla. A gonfiare la rete ci pensa così il reparto mediano, con uno score da record. Quello di Cuadrado è stato il 23° goal segnato da un centrocampista fiorentino in questa Serie A.

 

Altro ritorno sul manto erboso gradito per i tifosi del calcio italiano è stato quello di Stefano Mauri, dopo la squalifica. Molti si attendevano un’esultanza sotto rete e invece no. L’ultimo goal in Serie A risale al febbraio 2013, contro il Genoa. Edy Reja ha subito contro il Catania la prima sconfitta e la prima partita con tre goal al passivo. Per gli etnei va sottolineata la rapidità di Mariano Izco: la sua rete dopo appena 41 secondi è la seconda più veloce di questo campionato dopo quella di Muntari alla Juventus, realizzata dopo 18 secondi.

 

Chi ha un’ottima relazione con il fattore tempo è anche Mattia Destro: è di 75,5 il suo rapporto minuti/goal, il migliore tra gli autori di più di tre reti nei cinque maggiori campionati europei. A puntare sul gioco di squadra è invece il Torino: Cerci e Immobile hanno partecipato, tra reti e assist, a 31 delle 39 reti (79%) dei granata in questo campionato.

 

Concludiamo con una curiosità. Nel match vinto contro il Cagliari il Livorno ha visto per la prima volta il rosso: fino a quelle di Ceccherini e Benassi era l’unica squadra a non aver ancora subito espulsioni in questo campionato.

 

Infine un salto nella storia: per la seconda volta dalla sua nascita, il Parma è rimasto imbattuto per 12 gare consecutive di Serie A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy