Atalanta, Zappacosta si racconta: “Da piccolo tifavo Juve. Voglio la nazionale”

Davide Zappacosta è una delle sorprese del nostro campionato.

Zappacosta Fonte Ago76 per Wikipedia
Zappacosta Fonte Ago76 per Wikipedia

L’esterno dell’Atalanta ha parlato del suo ottimo momento ai microfoni della Gazzetta dello Sport, a partire dai gol: “Sono contento delle reti, anche se quando segno non vinciamo mai. E’ una maledizione che devo battere. Mi chiamano Zambrottino, è un soprannome che adoro, ma io mi ispiro ad un altro giocatore: Pavel Nedved. Da piccolo ero uno juventino sfegatato“.
Uno sguardo all’attacco dei bergamaschi: “Secondo me è ottimo, bisogna solo ritrovare fiducia. Denis? Deve solo sbloccarsi, poi rivedremo il vero attaccante che tutti conoscono“.
Per Zappacosta potrebbero presto aprirsi le porte della Nazionale: “Mi fa piacere sapere che Conte mi sta seguendo, lavoro con maggiore consapevolezza dei miei mezzi. Se toccasse a me sarei contento, intanto continuo ad allenarmi duramente per migliorare“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy