Balzaretti: “Ho pianto di gioia. A Totti auguro di giocare sempre così”

Per Federico Balzaretti il momento è magico. E l’ultimo ad aspettarselo era proprio lui, l’ex terzino azzurro naturalizzato romanista, reduce da un periodo buio dal punto di vista delle prestazioni. L’ex Palermo è intervenuto ai microfoni di RTL, parlando del derby vinto grazie – e soprattutto – grazie al suo gol.

Fonte: warrenfish
Fonte: warrenfish

Federico, nel derby dopo aver segnato hai pianto. Ci hai commosso.
“Noi cerchiamo di portare in campo le nostre emozioni, quindi quando arrivano a casa mi fa piacere. Si gioca per queste cose qua, per vivere delle emozioni simili, quando riusciamo a trasmetterle a casa è la cosa più bella”.

Cosa c’era in quelle lacrime? 
“L’annata scorsa è stata difficilissima per tutti, si è faticato parecchio. Non è questione di riscatto personale, è proprio perché per quanto la squadra sia composta da giocatori e ragazzi di un certo livello, da grandi uomini, non siamo riusciti a ritagliarci le soddisfazioni che volevamo per quanto abbiamo lavorato durante l’anno. Sono state lacrime di gioia, il derby perso per la finale di Coppa Italia era stato qualcosa che ha ferito tutti noi, quindi è stata una specie di liberazione”.

Hai festeggiato con Eleonora e le bambine? 
“Purtroppo no, perché Eleonora (Abbagnato, ballerina e compagna di Balzaretti, ndr) ha la prima della ‘Dama delle Camelie’ domani all’Opera di Parigi, mi è dispiaciuto molto non poter festeggiare con lei. Anche se è a Parigi è come se fossimo vicini sempre, ma purtroppo non è riuscita a venire”. 

Vi siete mai allenati insieme?
“Sì, certo, d’estate. Lei lavora anche d’estate, nel nostro periodo di vacanza, quindi ci divertiamo”.

Poi Balzaretti si è pronunciato a Tiki Taka, il programma di Pierluigi Pardo: “Ieri pomeriggio il gol nel derby è stata un’emozione molto forte. Prima della partita il mister ci ha detto solo di stare sereni, che avremmo comunque vinto. Dopo era molto contento. A livello psicologico ha trasformato questa squadra. Il 26 maggio non si può cancellare, ma da li siamo ripartiti. Totti? Per me può giocare anche più dei 40 anni. Per lo scudetto la Juve è ancora favorita, poi vedo il Napoli. Ai tifosi dico che abbiamo sempre bisogno di loro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy