Cudicini parla di Scuffet: “Giusto restare. Cech? Troppo per l’italia”

Intervista a Cudicini, ex portiere del Chelsea, che analizza i colleghi della Premier. Nel mirino anche ex compagni come Cech e Drogba. Infine i complimenti per il talentuoso Scuffet.

Fonte immagine: John Dobson (Wikipedia)
Fonte immagine: John Dobson (Wikipedia)

Ecco le sue dichiarazioni rilasciate a tuttomercatoweb.com: “Il ritorno di Drogba? E’ una leggenda a Stamford Bridge, darà ancora tanto in campo e a tutto l’ambiente. L’anno scorso al Galatasaray ha dimostrato di essere ancora in forza. Vedo positivo il suo ritorno sotto tutti gli aspetti. La stagione passata Mourinho si è lamentato molto del reparto offensivo; penso Diego Costa e lo stesso Drogba abbiano accontentato il tecnico. Gli acquisti del Chelsea? Acquisti importantissimi, e se consideriamo che comunque l’anno scorso il Chelsea ha lottato fino alla fine per la lotta al titolo senza l’obbligo di vincere allora quest’anno la squadra è in pole per affermarsi in tutte le competizioni. Non ci saranno più giochi psicologici da parte di Josè Mourinho“.

Il discorso vira sui portieri Cech e Courtois: “Difficile capire cosa succederà. Penso che ormai resteranno entrambi al Chelsea e che Courtois sarà il titolare prescelto da Mourinho. A gennaio, poi, potrebbe cambiare qualcosa. Non penso che Cech accetti di buon grado la panchina. E’ ancora tra i portieri più forti in circolazione. Prezzi proibitivi per l’Italia? Mai dire mai, ma è vero che al giorno d’oggi nel resto d’Europa ci sono squadre che hanno grosse disponibilità economiche che in Italia nessuno ha. Vedi Monaco e PSG, tanto per fare un esempio“.

Cudicini poi analizza i portieri del Tottenham: “Lloris e Vorm? Questo è un discorso interessante, visto e considerato il fatto che Lloris ha appena prolungato il contratto con gli Spurs. Quindi mi viene da pensare che Lloris l’anno prossima possa lasciare il posto a Vorm che giocava titolare a Swansea. Ospina all’Arsenal? Non sono così sicuro che Ospina sarà il titolarissimo dell’Arsenal. Il calcio inglese, specie per un portiere, è molto difficile. Serve tempo e lavoro per integrarsi al meglio“.

Infine chiusura su Scuffet: “Ha fatto bene a restare? Penso che abbia fatto la scelta giusta. Consiglio a tutti di fare un’esperienza all’estero, perché è straordinaria dal punto di vista lavorativo e umano, ma Scuffet è giovanissimo, ha ancora tanto tempo per prendere una decisione di questo tipo. Credo che l’Atletico abbia presentato una discreta offerta economica al ragazzo, ed il fatto che abbia rifiutato gli fa onore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy