Esclusiva-Salvatore Bagni: “Segnavo molto più di Behrami! Juve senza difetti, Inter poco agguerrita”

Storico centrocampista degli anni’80, ex Inter e Napoli e negli ultimi anni anche commentatore tecnico delle telecronache RAI, Salvatore Bagni ha rilasciato un’intervista in esclusiva a Soccermagazine.it durante la trasmissione “Sorrisi e Palloni” in onda su Capri Event, parlando dell’attuale momento dei partenopei e delle dirette rivali degli azzurri.

Salvatore Bagni
Salvatore Bagni
Un commento su Napoli-Bologna.
E’ inutile girarci intorno. Nel primo tempo il Bologna è stato aggressivo, ha messo in difficoltà il Napoli che secondo me conosce un’unica strada, che è quella che Mazzarri ha sempre voluto mettere nella testa dei giocatori, cioè la velocità, l’intensità di gioco. Questo è mancato e ha dato l’opportunità al Bologna di essere aggressivo, di non essere mai rinunciatario e di poter andare addirittura solo nella prima volta due volte in rete. Certo, dopo il Napoli con la qualità dei singoli è riuscito a ribaltarla e aveva la partita in mano, è lì forse che venuto a mancare il cinismo della squadra, perchè in tutti i casi, anche se non con una grande prestazione, il Napoli era in vantaggio e ha sbagliato diversi goal dopo essere passato in vantaggio.
 
Di cosa è spia questa scarsa concretezza?
Mah, non lo so, io anche l’anno scorso ero venuto a vedere il Napoli due volte in Champions, io mi ricordo un Napoli, con qualità di squadra, con intensità di gioco. Anche quest’anno, quando la squadra ha portato in casa il risultato, ha gestito diverse volte la partita, è stata lì ad aspettare, cosa che questo Napoli di Mazzarri non era abituato a fare. Vedi Milan, vedi Torino anche: è stata una brutta partita, poi c’è stato un errore, ma sbagliare ci sta nel calcio, non è questo. Però è nella gestione sotto ritmo che non va bene, questa squadra deve giocare a 100 all’ora, 110 e così porta a casa il risultato. Questo mese non si può fare perchè ha qualche giocatore fuori condizione, quelli che magari hanno dato tanto in due anni e mezzo alla squadra, e la squadra ne risente. Puoi sbagliare i goal e succede, ma tante volte questi giocatori han fatto sì che con un’azione sola ribaltassero il risultato, perciò ci può stare.
 
Cannavaro e Grava squalificati, Aronica vicino al Palermo e Campagnaro forse all’Inter: quali potrebbero essere a Gennaio le soluzioni di Mazzarri per la difesa?
Devono arrivare a Gennaio, perchè se Campagnaro è in quella situazione penso che il Napoli non lo voglia potare in scadenza di contratto, sarebbe assurdo perdere un giocatore del genere così. Sappiamo che Cannavaro è stato squalificato, e ricordiamo sempre che la difesa a 3 del Napoli è stata sempre improntata su Cannavaro, su Campagnaro e su Aronica, eh. Questa è sempre stata la difesa titolare del Napoli. Se vengono a mancare tutti e tre in una volta sola diventa difficoltoso. Poi bisognerà andare ovviamente ad operare sul mercato perchè ormai i giocatori non basteranno, anche perchè Fernandez, secondo me, non è che goda troppo della fiducia del mister, visto che anche in altre situazioni l’ha schierato poco e soprattutto non gli ha dato continuità quando è stato schierato titolare, perciò… Si dice che in giro di giocatori ce ne son tanti, ed io non credo a questo, perchè magari bisogna parlare dei giocatori del campionato italiano perchè si ambientano subito, ma in tutti i casi, magari non conoscendo l’assetto, il modo di giocare, quello che richiede Mazzarri, perderebbero lo stesso tempo nel prendere un giocatore magari più forte tecnicamente e farlo giocare con questa difesa a 3.
 
Che cosa si aspetta dal mercato di Gennaio? Considero il ciclo di Mazzarri verso la fine?
Che il Napoli debba operare mi sembra inevitabile, ditemi voi chi rimarrà in difesa. Britos, Gamberini, Fernandez e basta. Mi sembra un po’ poco per una difesa che deve giocare ancora 5 mesi di campionato, mi sembra riduttivo. Magari il Napoli sta di far uscire anche degli esterni, od uno degli esterni, quindi Dossena, perchè magari si vorrà rinforzare anche sull’esterno, è una cosa che è mancata. Maggio è fuori condizione, ma ha fato tantissimo. Dossena, che era un altro titolare con Maggio, sta rifiatando, è affaticato, diciamo che è diventato un rincalzo. Perciò, sicuramente, tra i difensori centrali, tra gli esterni il Napoli dovrà operare, assolutamente. E per Mazzarri, beh, se non è arrivata ancora la proposta di contratto, penso che possa diventare difficile che ci possa essere una continuità con Walter. Però tanto il contratto bisogna firmarlo in due, se non è stato ancora sottoposto… E siamo a metà campionato, non è che manca molto, anche perchè bisogna sempre programmare, ovviamente.
 
Si rivede un po’ in Valon Behrami? Tanta qualità, tanta quantità: forse un po’ il ruolo che ricopriva Salvatore Bagni qualche anno fa…
Beh, direi che facevo molti più goal! Non è una cosa da poco, no? Mi rispecchio – con tutto il rispetto che ho di Behrami, ci mancherebbe altro, come lo avevo di Gargano -, è che loro sono prettamente difensivi, anche se poi Behrami è stato anche un esterno di attacco, diciamo. Ma io ero molto più offensivo, segnavo di più, creavo di più, prendevo diversi rigori, facevo diversi assist, facevo entrambi le fasi, con tutto il rispetto, ma questa è la realtà dei numeri perchè io ho fatto 52 goal in Serie A e non è facile segnare da centrocampo, anche perchè una volta era molto più difficile segnare, a dir la verità.
 
Dopo Napoli-Bologna, Mazzarri ha detto che la Juventus sia irraggiungibile. Anche secondo Salvatore Bagni, oppure la Juventus ha un difetto? Se sì, qual è?
Mah, difetti non ne vedo, anche perchè ha avuto un momento in cui ha rifiatato, per 3-4 partite non ha fatto risultato: 2 sconfitte, un pareggio ed una vittoria. Lì nessuno ne ha approfittato, vedi il Napoli perchè non è riuscito ad avvicinarsi, si è avvicinato solo a 2 punti, poteva addirittura raggiungerla, e poi è ripartita perchè la Juve ha qualità, un allenatore eccezionale, dei giocatori che a centrocampo segnano, difendono, corrono, si aiutano, è una squadra, anche se poi davanti comprerà qualcosa, sicuramente si rinforzerà nel mercato di Gennaio. Si rinforzerà soprattutto per la Champions, perchè per il campionato se va avanti così, ovviamente, con questi risultati, con questo ritmo, è inutile pensare che qualcuno la possa raggiungere, anche perchè quella più vicina poi è l’Inter, che non la vedo tanto agguerrita, diciamo la verità; io ho sempre considerato il Napoli l’outsider, come tutti, forse. Adesso è a -10 ed è difficile pensare che la raggiunga. Vediamo, un passo alla volta. Adesso vediamo il mercato, vediamo come si rinforzerà il Napoli, e poi si penserà alla rincorsa.
 
Può essere stata la pressione del ruolo anti-Juve a pesare sul Napoli?
A Napoli è ovvio che parlare di scudetto – ci son passato – non si poteva. Poi parlarne all’inizio di campionato era un’utopia. Però noi dobbiamo considerare la realtà: l’Inter adesso è lì, ma è una squadra che, insomma, non era quotata e secondo me farà fatica ad arrivare al secondo posto. Sta cercando di cambiare, son venuti i risultati e non se li aspettava, però non è una squadra da scudetto. Il Milan, abbiamo visto, sta cercando questa rincorsa, la Fiorentina è una sorpresa, vedremo dove può arrivare, se in Champions od in Europa League, ma sta facendo benissimo. All’inizio erano due le squadre più accreditate, perchè all’inizio poi io ho sentito tante voci che volevano la squadra fosse stata rinforzata nei rincalzi ci fossero 22 titolari. Poi, nei fatti, non è stato così, e d’altronde si vince con i rincalzi, il campionato si vince più con i rincalzi che con i titolari, perchè ogni tanto bisogna farli rifiatare.
 
Cavani sta per scalzare Careca e si avvicina a Maradona.
Cavani è unico. Centravanti così forti al mondo ne vedo pochi. Penso a Falcao dell’Atletico alla pari, ma è uno che segna sempre, vuol giocare sempre, da l’anima sempre, è sempre al 100%, è una cosa meravigliosa. Anche nella partita di Domenica, che non era al 100%, è riuscito a fare un bellissimo goal, cosa gli vuoi dire? E’ fenomenale. Una volta per fare goal in area ti strattonavano 100 volte e l’arbitro si girava dall’altra parte, era molto più difficile, c’erano queste marcature a uomo che prima che tu ti liberassi… Se uno va a vedere il calcio di adesso, uno quando gioca a zona si va a trovare la posizione e l’avversario che vuole, è molto più semplice, qualche anno fa diciamo che ti inseguivano anche se andavi in bagno, perciò era molto più difficile. Dovevi commettere tanti di quei falli prima di essere ammonito che uno si stancava. Perciò dai, non credo si possano fare paragoni. Comunque ovviamente Diego è troppo lontano da tutti i giocatori del mondo, non solo per Cavani, che nonostante tutto è eccezionale.
 
Il video dell’intervista completa:

 
I TESTI E I CONTENUTI PRESENTI SU SOCCERMAGAZINE.IT POSSONO ESSERE RIPORTATI SU ALTRI SITI SOLO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE. OGNI VIOLAZIONE VERRA’ PUNITA.

Per rimanere aggiornati sulle nostre altre esclusive, vi consigliamo di seguire la pagina fan di Soccermagazine su Facebook.

Un pensiero riguardo “Esclusiva-Salvatore Bagni: “Segnavo molto più di Behrami! Juve senza difetti, Inter poco agguerrita”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy