Fiorentina-Torino 2-2: Cerci sbaglia il rigore che vale l’Europa

Primo tempo all’insegna dell’equilibrio al Franchi: i primi dieci minuti sono tinti di viola con Borja Valero, Aquilani e Rossi che provano a mettere in difficoltà Padelli il quale si dimostra all’altezza della situazione.

Fonte: MaxFinotti (wikipedia.org) - Ph Massimiliano Finotti
Fonte: MaxFinotti (wikipedia.org) – Ph Massimiliano Finotti
Si sveglia il Toro e prova ad uscire dalla metà campo con Kurtic ma sopratutto con Cerci che prova l’impresa con una galoppata di 70 metri, passa ad El Kaddouri che però non è impeccabile nel restituire la palla al compagno.L’azzurro prova a chiedere il rigore ma Rizzoli è bravo a rendersi conto che è tutto regolare: la trattenuta di Hegazi infatti parte fuori area, Cerci si tuffa dentro non appena si rende conto di non poter arrivare sul contropassaggio del compagno. I granata però continuano ad intensificare la loro manovra, al centro della quale c’è sempre Cerci. Pizarro al 27′ commette un ingenuità e prende un giallo inutile per fallo di mano. La prima frazione di gioco termina con il toro costantemente in attacco, con El Kaddouri e Kurtic protagonisti.
 
La ripresa inizia nuovamente all’insegna dei viola. I ragazzi di Montella intessono più volte trame molto interessanti ma poco efficaci. Al 10′ punizione per i granata: Cerci però impatta la barriera e la Fiorentina riparte in contropiede: il Toro sembra riuscire a contenere la ripartenza ma perde nuovamente palla, con Vives che entra in modo dubbio su Cuadrado e Rizzoli che assegna il calcio di rigore. Dal dischetto va Giuseppe Rossi che confermando il suo trend positivo spiazza Padelli e segna.
Pochi minuti dopo l’autore del momentaneo vantaggio lascia il posto a Joaquin. Doppio cambio invece nel Toro: fuori Meggiorini e Tachtsidis e dentro Larrondo e Barreto, si passa al 4-3-3. Dagli spalti i tifosi viola incitano i granata, gridando “Vogliamo il Toro in Europa”. La squadra di mister Ventura non molla: Cerci parte,salta Hegazi, passa a Larrondo per il facile tap in a porta vuota. Purtroppo per il Torino però allo stesso tempo arriva la notizia del vantaggio del Parma, quindi serve una vittoria per l’Europa.

Riparte allora Cerci, conquista una punizione da posizione molto interessante ma la sua battuta si infrange nuovamente sulla barriera. L’assalto non si ferma e su calcio d’angolo Moretti mettere in rete: goal annullato per spinta di Larrondo sulla sponda per il compagno che non ha avuto neanche il tempo di esultare. La Viola prova ad uscire ma Maksimovic blocca un pericoloso contropiede mentre Darmian è costretto al fallo su Cuadrado. Altra sostituzione per la Fiorentina: entra Rebic esce Pasqual. Barreto e Larrondo confermano il buon impatto sulla partita con un ottimo scambio al 32′, ma proprio da qui parte il contropiede che regala a Rebic la gioia del primo goal in Serie A. I granata non vogliono arrendersi al risultato e continuano ad attaccare procurandosi un ottimo calcio di punizione e riuscendo a trovare il goal con Kurtic.
Ultimo cambio: esce Cuadrado entra Bakic. Ultimi minuti molto concitati, Rebic rimane a terra e il Toro riparte tra le proteste, con Vargas che ferma Cerci con un fallaccio iscrivendosi di diritto al taccuino dell’arbitro. Finale thriller: Roncaglia commette fallo in area su Barretto ed è rigore. Cerci si incarica della battuta ma Rosati nega a lui e a tutti i tifosi granata la gioia del goal ma sopratutto dell’Europa. Qualche istante dopo Rizzoli fischia: in Europa ci va il Parma e Cerci esce in lacrime.

Federica Susini

Federica Susini

Aspirante giornalista sportiva per passione, studio giurisprudenza presso la facoltà di Catania. Gioco a pallavolo, mi piacciono le serie tv e il mio tempo libero amo trascorrerlo con le persone care.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy