Gabbiadini spegne un Chievo arrembante: al Bentegodi vince il Napoli 1-2

La ventunesima giornata di Serie A vede affrontarsi Chievo Verona e Napoli. La gara d’andata vide i clivensi battere i partenopei per una rete a zero e questo dà qualche stimolo in più agli ospiti, che vogliono i tre punti per continuare la caccia al secondo posto. I padroni di casa schierano un 4-4-2 compatto, con Cesar al centro della difesa al posto dello squalificato Dainelli e il duo offensivo PellissierPaloschi; Benitez si affida al suo classico 4-2-3-1, con Gabbiadini, De Guzman e Mertens a supporto di Higuain.

Il Bentegodi - Fonte immagine: Vanbasten 23 da wikipedia
Il Bentegodi – Fonte immagine: Vanbasten 23 da wikipedia

La prima grossa chance arriva per il Chievo: al minuto 8, su calcio d’angolo, Pellissier spizza la palla di testa e Paloschi per poco non trova la deviazione vincente sotto porta. I minuti passano e le due squadre prolungano la fase di studio, con qualche tendenza offensiva più spiccata negli uomini in maglia gialloblu. Bastano però un paio di percussioni ai partenopei per trovare la rete del vantaggio: al 17′ lancio di Higuain per Gabbiadini che tira su Bizzarri, la palla rimbalza sulla schiena di Cesar e finisce in rete per lo 0-1. Al 22′ cross dalla trequarti di Zukanovic che trova l’intervento di testa di Pellissier, ma la conclusione è troppo alta per impensierire gli ospiti. Ma questo è il preludio per la rete del pareggio: Hetemaj al 24′ si smarca bene sulla sinistra e mette la palla in mezzo all’area, Rafael esce per spazzare coi pugni ma incontra il corpo di del compagno Britos che fa carambolare il pallone nella propria porta. Continua ad attaccare il Chievo, con un tuffo di testa di Pellissier al 28′ e la palla che finisce di poco a lato. Contropiede partenopeo al 31′ con Higuain che porta palla e una volta in area di rigore tenta la conclusione: palla nettamente sopra la traversa. Le squadre continuano a cercare la via del goal, ma tocca aspettare il 40′ per vedere un’azione pericolosa, in questo caso una girata di testa di Paloschi che finisce poco distante dal primo palo. Mantiene lo stesso schema d’attacco il Chievo, con cross dalla trequarti e colpo di testa: stavolta la combinazione viene da Schelotto e Birsa, ma il risultato è ancora palla fuori di poco. Nel primo dei due minuti di recupero i padroni di casa non sfruttano una punizione dal lato destro dell’area di rigore, con la difesa del Napoli che respinge compatta e di fatto chiude il primo tempo.
Come ogni anno, quando il Napoli va a fare visita al Chievo lo spettacolo è assicurato. Le due formazioni si stanno affrontando apertamente, con i gialloblu ad essere più pericolosi in avanti degli azzurri. Partita accesa da due autoreti e che promette altre scintille nella ripresa.

Fonte: Laura Rossetti
Fonte: Laura Rossetti

Nessun cambio tra le due frazioni di gioco e le squadre scendono in campo con gli stessi undici titolari. La prima occasione è sui piedi di Gabbiadini, che al 51′ stoppa e a due passi dalla porta conclude al volo, con il bravo Bizzarri ad intercettare la traiettoria e a mettere la palla fuori. Replica il Chievo dopo nemmeno un minuto con un’azione insistita in area di rigore, che si conclude con il tiro di Zukanovic disinnescato da Rafael. Altro rapido cambio di fronte e ancora Gabbiadini ci prova, stavolta dalla distanza, però il portiere gialloblu è attento e blocca. Non si spegne la foga del momento, con Hetemaj che al 54′ prova la conclusione dalla distanza: palla di poco a lato. Gran tiro dal limite dell’area al volo di Schelotto al 60′, ma si coordina male e la palla finisce in tribuna. Primo cambio della partita: Birsa lascia il campo per l’ingresso di Botta. La mossa di Maran viene subito annullata dalla rete del 1-2 napoletano: Strinic serve Gabbiadini in area, che con un movimento si libera della marcatura, si gira e di sinistro mette la palla in rete. Duro intervento di Botta su Maggio con l’argentino che viene ammonito. Prima sostituzione per gli ospiti: entra in campo Callejon, al suo posto viene richiamato in panchina Gabbiadini. Poco dopo è anche il momento di Gargano, che entra in campo per Jorginho. Dopo poco c’è il secondo cambio anche nelle fila del Chievo: dentro Meggiorini, fuori Paloschi. Il neo entrato si rende subito pericoloso al 71′, con un tiro che finisce di pochissimo a lato. Al 73′ cross dalla destra di Higuain per la testa di Callejon, ma lo spagnolo colpisce debolmente e la difesa clivense respinge. Altra proiezione offensiva degli ospiti al 76′, che mandano De Guzman al tiro da 8 metri, con la palla che finisce però alta. Ultima sostituzione nel Napoli, con Hamsik che entra in campo al posto di Mertens. Il Chievo tenta il tutto per tutto inserendo Christiansen al posto di Cesar. I padroni di casa si stanno buttando in avanti alla ricerca del pari, ma non riescono a trovare spazio per un’azione pericolosa. Higuain potrebbe chiudere la gara al 87′ con una conclusione a botta sicura a culmine di un fulmineo contropiede, ma Zukanovic con un gran intervento mette la palla fuori. Sono quattro i minuti di recupero, nell’ultimo dei quali c’è un tiro insidioso di Radovanovic neutralizzato da Rafael e sul cambio di fronte Higuain tenta la deviazione di testa da pochi passi disinnescata da Bizzarri.

Il Napoli riesce a portare a casa i tre punti giocando non la migliore delle sue partite, forse risparmiando qualcosa per la gara di Coppa Italia di mercoledì. Una giocata di Gabbiadini e una difesa attenta sono state sufficienti per questa domenica.
Il Chievo ha dimostrato di essere in forma, difendendo bene e con un chiaro schema d’attacco. Purtroppo non è stato abbastanza per poter neutralizzare i partenopei, ma gli ha comunque permesso di rimanere in gara fino all’ultimo.

IL TABELLINO
CHIEVO 1-2 NAPOLI
Chievo (4-4-2): Bizzarri; Schelotto, Gamberini, Cesar (dal 80′ Christiansen), Zukanovic; Birsa (dal 61′ Botta), Izco, Radovanovic, Hetemaj; Pellissier, Paloschi (dal 71′ Meggiorini). A disp.: Jallow, Biraghi, Sardo, Bardi, Cofie, Seculin. All.: Rolando Maran.
Napoli (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Albiol, Britos, Strinic; Jorginho (dal 67′ Gargano), David Lopez; Gabbiadini (dal 64′ Callejon), De Guzman, Mertens (dal 77′ Hamsik); Higuain. A disp.: Luperto, Colombo, Andujar, Zapata, Inler. All.: Rafael Benitez.
Marcatori: 17′ Aut. Cesar (N); 24′ Aut. Britos (C); 62′ Gabbiadini (N)
Ammonizioni: Botta (C)
Espulsioni: –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy