Genoa – Torino 1-1: pari con tante emozioni a Marassi

Genoa e Torino si affrontano a Marassi per l’anticipo serale della quattordicesima giornata di Serie A con il morale alle stelle: i liguri vengono da un’ottima striscia di risultati utili che li hanno riportati nelle zone buone della classifica, mentre gli uomini di Ventura arrivano dalla larga vittoria casalinga contro il Catania che ha scacciato qualsiasi voce di crisi.

Fonte: geonacfc.it
Fonte: geonacfc.it

Ad offuscare la festa fra due società storicamente gemellate è la notizia relativa ai dieci minuti di silenzio che i tifosi locali mettono in atto per protestare con la condanna di primo grado a carico di quattro ultrà per i fatti avvenuti durante Genoa-Siena del 22 aprile 2012. Nonostante ciò le squadre si affrontano a viso aperto per tutta la gara, con i granata più continui nel corso della gara ed i liguri che escono nel corso della ripresa, ed è solo un caso se alla fine sul tabellino dei marcatori vanno solo El Kaddouri e Biondini.

PRIMO TEMPO – Il Torino parte con il piede sull’acceleratore e dopo una fuga sulla fascia di Cerci, dopo solo pochi secondi dal calco d’avvio, è El Kaddouri a centrare un clamoroso palo, dopo un uno-due con Farnerud che lo porta a tu per tu con Perin (1’). I due trequartisti di Ventura combinano  nuovamente al 5’ e danno ad Immobile la possibilità di calciare in porta, peccato che il tiro sia smorzato permettendo a Perin di bloccare la palla senza difficoltà. L’inizio deciso permette ai granata di passare subito in vantaggio: da azione d’angolo la palla esce fuori dall’area di rigore, Farnerud non ci pensa due volte e scarica una bomba di sinistro dai 20 metri che diventa imparabile grazie alla fortunosa deviazione di El Kaddouri. Il ritmo si mantiene molto alto ed il Genoa inizia a mettere il naso nell’area di rigore granata, senza tuttavia creare occasioni di grande rilevanza. Le occasioni migliori sono infatti ancora del Torino: lancio lungo per Cerci che brucia tutti nello scatto e cerca di superare con un diagonale rasoterra l’estremo difensore rossoblu, che però riesce a toccare il pallone quel tanto che basta per evitare il raddoppio degli ospiti (18’). A metà ripresa la migliore delle occasioni dei liguri: calcio di punizione di Matuzalem dal limite che viene deviato dalla barriera e per poco non beffa Padelli; poteva essere la fotocopia della rete dello 0-1 (25’). Nella seconda metà del primo tempo trionfano i calci più che il bel gioco e la quantità degli ammoniti lievita in maniera vertiginosa.

SECONDO TEMPO – La ripresa riparte con gli stessi ritmi frenetici che avevano caratterizzato il primo tempo. Cerci nei primi minuti testa  la reattività di Perin con un calcio di punizione indirizzato sotto la traversa; il portiere rossoblu è presente (48’). Il Genoa risponde adesso colpo su colpo e va vicino al pari con un preciso tiro di Vrsalijko da fuori area che colpisce il palo interno e viene catapultato di nuovo sul terreno di gioco (51’). Le occasioni ora si susseguono: prima Portanova con un tiro dalla breve distanza viene anticipato da Glik e manca per un soffio la rete (53’), quindi uno scatenato Immobile punta l’area di rigore e va vicino a centrare il secondo palo della porta difesa da Perin (56’) e poi il Genoa manca la possibilità del pari sbagliando un incredibile contropiede in quattro contro uno (59’). Episodio dubbio al 62’ in area rossoblu:  Biondini tocca il pallone con il braccio al limite dell’area; i granata reclamano un calcio di rigore che il signor Peruzzo non concede. I padroni di casa meriterebbero ora il pareggio, vista la grande mole di gioco espressa, e riescono a coronare il lungo inseguimento con Biondini, pronto ad inserirsi e a superare Gomis dopo una percussione centrale di Fetfatzidis (69’). Il Toro avrebbe anche l’occasione di ripassare subito in vantaggio ma Perin sale in cattedra sventando prima una conclusione di Cerci e poi il tiro ravvicinato di Immobile (71’). I minuti finali della gara vedono una serie di ribaltamenti di fronte che però non permettono a nessuno dei due contendenti di sbloccare la gara.

Il risultato sembra essere il più giusto per quanto visto in campo, in realtà un grande spettacolo per tutti gli spettatori, con le due squadre che portano a casa un punto a testa che permette loro di muovere la rispettiva classifica..

GENOA: Perin 7.5; Antonini 6.5, Portanova 6.5, Marchese 5.5; Vrsalijko 6.5, Biondini 6, Matuzalem 6, Antonelli 5.5 (dal 87’ Gamberini sv); Centurion 5 (dal 46’ Fetfatzidis 6.5), Kucka 6; Gilardino 6 (dal 83’ Calaiò sv).

TORINO: Padelli 6 (dal 52’ Gomis 6); Glik 6, Bovo 6.5, Moretti 6; Darmian 5.5, Vives 6.5 (dal 87’ Brighi sv), Farnerud 6.5, Pasquale 5.5; El Kaddouri 6.5 (dal 80’ Basha sv); Cerci 7, Immobile 7.

Avatar

Salvatore Suriano

Redattore sportivo per passione, amo il calcio e lo seguo sempre con lo stesso interesse. Collaboro con SoccerMagazine dal luglio del 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy