Il prefetto impone nuove misure di sicurezza all’Olimpico di Roma

Come riportato dal Messaggero 24 è stato dato l’annuncio del nuovo piano contro la violenza sugli stadi messo a punto da Palazzo Valentini.

autore: Lessio fonte: flickr.com
autore: Lessio fonte: flickr.com

In nuovo piano prevede una serie di misure che prevedono la divisione di ciascuna curva in due mini-settori, cosa che comporterebbe con un taglio di circa 3mila posti sui 17mila attuali più l’innalzamento delle barriere nei Distinti e altre transenne da montare nelle aree di filtraggio e pre-filtraggio. Lavori che, secondo il Coni, proprietario dello stadio, dovrebbero essere pagati da Roma e Lazio.

Dall’entourage del presidente biancoceleste spiegano che “questa è una questione che va chiarita. E di punti da chiarire ce ne sono tanti“. Non è un caso allora che il piano di Gabrielli non abbia raccolto dichiarazioni di sostegno da nessuna delle due società capitoline. Dalla Roma, che pure si dice pronta a rispettare le misure chieste dalla Prefettura, specificano che tutti i dettagli “vanno ancora definiti, ne discuteremo nei prossimi tavoli tecnici”.

Nonostante tutti i problemi conseguenti a questa scelta il prefetto ha detto che per la stagione 2015/2016 l’Olimpico potrà aprire soltanto se le nuove prescrizioni saranno rispettate in pieno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy