Inter-Fiorentina 2-1: Pagelle Viola

Dal nostro inviato a Milano, San Siro.

 

Fonte: Federico Berni
Fonte: Federico Berni

Serata da grandi occasioni per il posticipo infrasettimanale della Quinta giornata di Serie A. Al “Meazza” si è giocato Inter-Fiorentina, senza dubbio il match-clou di questa giornata.

L’Inter si è aggiudicata una partita che a tratti è stata anche soporosa e che non ha meritato. Ma il calcio è così. Jonathan ha deciso la partita allo stesso modo di Neto e Mati Fernandez.

L’Inter si chiude e riparte, la Fiorentina fraseggia molto ma poi non ha una punta di peso che raccoglie i lanci e i cross. Alcuni giocatori sottotono, altri rapidi, vivaci ma inconcludenti. Il pari sarebbe stato un risultato più giusto?

Si è giocato in uno stadio con 38mila paganti e con una curva (quella dell’Inter, settore Verde II° anello) chiusa per fatti giuridico-sportivi.

PAGELLE FIORENTINA

NETO: ci vorrebbe un portiere VERO.  5

TOMOVIC: buona partita, sia di contenimento sia offensiva ma sul gol del pareggio doveva fare di più  6

GONZALO RODRIGUEZ:  il solito impegno e poi le solite sbavature che tuttavia non condizionano la partita.  6,5

SAVIC: lasciare Mati fernandez in area a contrastare il solitario Jonathan, gli offusca una partita ordinata e anche con qualche buon gesto tecnico  6

PASQUAL: si infortuna dopo una mezz’ora. Fin lì non aveva demeritato. 6

JOAQUIN: sbaglia un gol praticamente fatto, solo davanti ad Handanovic. Crea anche qualche palla interessante ma ancora non ci siamo. 5,5

AQUILANI: regge il centrocampo e finchè è in campo la partita va bene per la viola.  6,5

AMBROSINI: il ruolo non è propriamente il suo, ma nell’adattarsi gioca bene. Preso di mira dal pubblico nerazzurro, ovviamente.  6

BORJA VALERO: anche con la barba è superiore a tanti e lo dimostra a tutto campo.  6,5

MATI FERNANDEZ: è un anno intero che, quelli come noi, parlano dei limiti enormi per la serie A, di questo calciatore. Salta da balletto di danza classica, senza fine né velleità, per contrastare Jonathan, che lo irride e segna il gol della vittoria. Forse il Cile è un campionato più adatto alle sue caratteristiche.  4,5

ROSSI: E’ veramente l’arma in più della Fiorentina. Esce e manca qualcosa.  7

Sostituti  –  MARCOS ALONSO: buona gara la sua, un po’ in affanno a volte e impacciato in avanti. 6   VECINOs.v.   ILICIC: prova a tirare alla sua maniera per riportare il risultato verso la Viola. Più di tanto non riesce ma ci prova. 6

Allenatore MONTELLA: perché non inserire Rebic? Perché togliere Aquilani e non Mati Fernandez? Perché, in estate, non aver voluto vedere l’evidenza e cioè che Neto non è quel gran portiere di cui ha bisogno la Fiorentina? L’ostinazione è un difetto, a volte, grave. Lato tecnico: la squadra gioca comunque bene. 5

Arbitro Sig. VALERI: aiutato dall’assistente di linea assegna un rigore alla Fiorentina, da rivedere bene in tv. Ammonisce con regolarità chi se lo merita. Una buona direzione di gara.  6

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy