La Lazio espugna Varsavia: 2-0 al Legia, prima rete per Felipe Anderson

Serata fredda ma non ghiacciata a Varsavia, con la Lazio che cerca la qualificazione con una giornata d’anticipo.

Fonte Wikipedia Autore Lukas skywalker
Fonte Wikipedia Autore Lukas skywalker

Dopo gli scontri fuori dallo stadio causati dai propri supporters, i biancocelesti cercano una vittoria che potrebbe aumentare il buonumore: Petkovic schiera Keita al posto di Ederson, fermato da un fastidio. Ecco le formazioni:
LEGIA (4-2-3-1) Kuciak; Bereszynski, Rzezniczak, Jodlowiek, Wawriznyak; Vrdoljak, Furman (64′ Inaki); Radovic, Pinto (46′ Oyamaa), Brzyski; Dwaliszwili (74′ Mikita). All. Urban
LAZIO (4-2-3-1) Berisha; Cavanda, Ciani, Cana, Radu; Gonzalez (81′ Lulic), Biglia; Felipe Anderson (77′ Floccari), Hernanes, Keita (72′ Onazi); Perea. All. Petkovic
PRIMO TEMPO – La partita parte come da pronostico, con la Lazio che imposta e i polacchi che provano qualche contropiede. La prima occasione è al 7′ con Felipe Anderson che, ben servito, si smarca in area ma conclude alto. Qualche minuto dopo ci provano anche Cavanda ed Hernanes ma i loro tiri risultano centrali. I biancocelesti però sono vivi e passano al 24esimo: Biglia pennella per Perea, che stoppa il pallone di testa e susseguentemente lo incorna con forza sul palo lungo: 1-0 Lazio, davvero un bel gol del giovane attaccante. Il Legia non reagisce per nulla al gol subito e, anzi, rischia di andare sotto ancora ma questa volta Perea non centra il bersaglio grosso, sempre di testa.
I padroni di casa si vedono per la prima volta al 40esimo quando Radovic, unico uomo d’esperienza, dribbla due giocatori e conclude: il suo mancino però si perde a lato. L’ultima chance del primo tempo ce l’ha il Tata Gonzalez ma la sua zuccata finisce fuori dopo un bel cross di Radu. 0-1 dopo i primi 45′.SECONDO TEMPO – Mister Urban cambia subito uno spentissimo Pinto, rilevato da Oyamaa, ma il canovaccio tattico resta sempre lo stesso, così come l’imprecisione dei polacchi.
Al primo minuto del secondo tempo ottima azione biancoceleste Gonzalez-Anderson-Perea, il colombiano serve ancora Felipe Anderson che però non riesce ad incidere. Tre minuti dopo ancora un prezioso assist di Perea, che serve Hernanes tutto solo davanti a Kuciak ma anche il suo rasoterra si infrange sul portiere. Il gol, tuttavia, è nell’aria e si materializza al 56esimo: Hernanes porta palla sulla sinistra e sventaglia per Felipe Anderson: l’ex Santos, dopo un controllo così così, fredda Kuciak con un bell’esterno sul secondo palo. 2-0 Lazio, primo gol in biancoceleste per Felipe Anderson.
Gli ospiti però, non si arenano, e vanno vicini addirittura al 3-0: Hernanes riceve palla a metà campo e si invola in uno slalom ubriacante che lo porta davanti al portiere, ma anche questa volta il Profeta non riesce a concludere dentro la porta. Di qui in poi, più niente o quasi per mezz’ora nei quale, tra cambi ed un tiro fuori di Radovic, non succede alcunchè.
Onazi prova a risvegliare la partita dopo un’azione tambureggiante degli avanti biancocelesti, ma il suo tiro ben indirizzato viene salvato sulla linea di porta. Allo scadere ci prova Lulic a giro ma manda in curva, prima della vera occasione polacca: al 91esimo calcio di punizione a metà campo, palla in mezzo, Berisha (pur presente per tutta la partita) non allontana di pugno e deve ringraziare Lucas Biglia, che preserva l’imbattibilità proprio sulla linea in seguito ad un pallonetto polacco. E’ l’ultima emozione, a Varsavia è 0-2.
MARCATORI – 24′ Perea (L), 56′ Felipe Anderson (L)
NOTE – Ammoniti: Cavanda (L); Calci d’angolo: 3 a 2 per la Lazio.
ARBITRO – Blom (NED).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy