Lazio-Empoli 4-0: Mauri, Klose, Candreva ed Anderson regalano il secondo posto a Pioli

Lazio ed Empoli si affrontano all’Olimpico di Roma per la 22esima gara di Serie A: due squadre che esprimono un ottimo calcio si incontrano per dar vita ad una gara che promette spettacolo.

Lazio-Empoli fonte Alessandra Fanciano
Lazio-Empoli fonte Alessandra Fanciano

Stefano Pioli, allenatore della Lazio, si affida a Klose in attacco supportato da Mauri, Candreva e Felipe Anderson: Sarri invece schiera Saponara a supporto di Maccarone, Pucciarelli.

La gara comincia con l’Empoli che cerca di imporre i propri ritmi: pressing alto con tre giocatori nella trequarti avversaria ed i difensori altissimi a tenere la squadra compatta. La Lazio però alla prima occasione la sblocca subito: scambio corto tra Candreva e Felipe Anderson, che quindi imbuca per Cavanda; l’angolano resiste alla carica di Mario Rui e pennella un cross al bacio per Mauri che di testa batte Sepe.

L’Empoli non demorde e prova a creare gioco, ma la difesa biancoceleste fa buona guardia: gli uomini di Pioli sono micidiali e chiudono i conti in pochi minuti. Prima ci pensa ancora Cavanda a pennellare per Klose il cross del 2-0 (10imo stagionale dell’ex Bayern), quindi sugli sviluppi di calcio d’angolo, Biglia serve Candreva che esplode un tiro preciso e potente che batte Sepe per la terza volta. Empoli KO.

Prima della terza rete si infortuna DeVrij che è costretto ad abbandonare il campo per un problema al ginocchio: al suo posto Novaretti, che con Cavanda-Cana-Lulic va a comporre un quartetto difensivo inedito.

Si va al riposo dopo 3 minuti di recupero sul 3-0 Lazio: gara in ghiaccio.

Nella ripresa Novaretti si prende subito un giallo per fallo su Maccarone: poco dopo la Lazio dilaga con Klose che costruisce sulla destra, cross al centro per Anderson che trova prima la respinta di Candreva, quindi il tap-in vincente. Novaretti subito dopo si prende il secondo giallo in pochi minuti (abbastanza generoso) e lascia i suoi in 10 uomini sul 4-0.

L’Empoli alza bandiera bianca: occasioni solo su calci piazzati, con una punizione di Maccarone e sugli sviluppi dei molti calci d’angolo. La Lazio difende bene con Ciani entrato per Klose. Nel finale dentro anche Cataldi con Keita che deve risedersi in panchina dopo l’espulsione di Novaretti.

Complice il pareggio della Roma a Torino, la Lazio vola seconda in campionato a quota 58 punti: traguardo impensabile solo poche settimane fa. Prossimo step a Torino, contro una Juventus arrabbiata ed affamata dopo la sconfitta a Parma.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy