Lo Monaco: “Avrei preso a calci nel sedere Osvaldo. Nel calcio c’è incapacità di gestire i soldi”

Intervenuto ai microfoni di Radio IES, l’ex a.d. del Palermo Lo Monaco ha parlato del calcio italiano, principalmente della Roma:
Fonte: Flickr.com Di SiciliaToday
Fonte: Flickr.com Di SiciliaToday

“E’ in una crisi strutturale che ha due matrici. Non manca il supporto economico, ma c’è l’incapacità di gestire questi soldi. Il fatto che squadre come Inter, Milan o la Roma abbiano la necessità di ristrutturare fa si che i campionati abbiano momenti tecnici difficili. E’ un cambiamento di cui l’Italia ha bisogno. Non può essere altrimenti: ricordiamoci che nel 2015 scade il discorso dei diritti televisivi e Sky ha il monopolio”.

E’ così difficile farsi rispettare senza la figura del presidente?
“No, è il messaggio che si vuole far passare, ma non è vero. Il problema è che l’ambiente ha avuto poche regole. I calciatori hanno i loro diritti e i loro doveri. Una società è chiamata a far rispettare queste cose, non c’è niente di strano, è una cosa talmente naturale. Quando si gestiscono queste cose bisogna essere rigidi mentalmente e pretendere, anche da se stessi, il rispetto della regole”.

Se nella sua squadra il rigorista viene spodestato?
“Prendo a pedate nel sedere chi ha calciato il rigore e riprendo il rigorista che doveva calciarlo e non l’ha fatto”.

Osvaldo voleva mostrare una maglietta. La società non controlla queste cose?
“Fa parte di quelle regole a cui facevamo riferimento prima. I calciatori devono mettere solamente materiali forniti dallo sponsor tecnico. Se un calciatore all’insaputa della società fa una cosa del genere rischia sanzioni pesantissime. Se è al corrente che ci sono queste regole, non fa cose del genere”.

Avrebbe esonerato Zeman per Andreazzoli?
“Non voglio entrare in questo tipo di argomentazione. Sindacare le azioni altrui è scorretto. Mi sento di dire però che la Roma è una società e un ambiente che deve stare gomito a gomito con la Juve. Per storia, per pubblico, per tutto quanto, la Roma deve avere questi obiettivi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy