Milan, Jianlin potrebbe acquistare il 30% per 120-150 milioni

Nuova prospettiva dal sollevante, per l’acquisizione del Milan.

Fonte: Pava (Wikipedia.org)
Fonte: Pava (Wikipedia.org)

Il Sole 24 Ore fa un ritratto del nuovo protagonista cinese della scena calcistica europea che potrebbe essere interessato a rilevare almeno una parte (30% al massimo) della società rossonera facente capo a Silvio Berlusconi. Wang Jianlin, il magnate cinese che possiede beni per oltre 25 miliardi di euro (più o meno il patrimonio attribuito da Forbes all’inventore della Nutella appena scomparso, Michele Ferrero), era, fino a poche settimane, uno sconosciuto in Europa. Adesso, invece, il suo nome si è legato indissolubilmente ad uno dei club che meglio ha figurato nel panorama europeo recente, l’Atletico Madrid, di cui Jianlin ha acquistato il 20% per 45 milioni di euro poco più di un mese fa. Risale a due settimane, però, il colpo che ha proiettato Jianlin nell’olimpo dei potenti del pallone: il suo gruppo, Dalian Wanda, ha annunciato l’acquisto per 1,05 miliardi di euro della multinazionale svizzera Infront Sports & Media, una superpotenza nel mondo del marketing sportivo in generale e del pallone in particolare, estensione, come tante altre realtà sparse in giro per l’europa, del potere, nel calcio moderno, di Sepp Blatter, che non a caso ha messo suo nipote Philippe a capo della multinazionale.

Ma riportiamo l’attenzione sul Milan. L’interesse di Jianlin riporta a galla le discussioni riguardanti la valutazione del club rossonero. L’ipotesi più realistica, secondo quanto appreso dal Sole 24 Ore, è che tutto il Milan sia valutato tra 400 e 500 milioni, quindi molto meno del miliardo scarso di cui si è parlato in tempi recenti. Se la valutazione tra 400 e 500 milioni per il 100% del Milan fosse accettata da Berlusconi, per il 30% basterebbe versare una cifra compresa tra 120 e 150 milioni di euro, probabilmente attraverso un aumento di capitale.

Come riporta Il Sole 24 Ore, inoltre, nell’ultimo bilancio consolidato del Milan, al 31 dicembre 2013, i debiti finanziari netti ammontavano a 256,4 milioni, più dei 254,56 milioni di ricavi. Il risultato netto consolidato del Milan nel 2013 era in perdita per 15,7 milioni, dopo plusvalenze nette per 23,4 milioni da calciomercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy