Pardo durissimo: “Tavecchio dice cose razziste e il Palazzo tace”

Il noto giornalista Mediaset Pierluigi Pardo non le manda a dire a Tavecchio. Il candidato alla presidenza della FIGC che l’altro giorno ha dichiarato parlando dei giocatori stranieri: “Qui fanno i titolari quelli che prima mangiavano le banane”, è finito nel’occhio del ciclone.

Fonte immagine: PIERPARDO, Twitter
Fonte immagine: PIERPARDO, Twitter
Pierluigi Pardo ha commentato l’accaduto su Facebook: “Dunque, se i razzisti sono i tifosi o gli ultrà scattano subito (sia ben chiaro, giustissimi) sdegno e squalifiche. Ci sono tessere e schedature. Se invece un candidato presidente dice frasi sfigate, prima ancora che razziste, se parla come un uomo dell’Ottocento, il Palazzo, salvo rare eccezioni, sta zitto e si chiude a riccio.
Fortunatamente esistono i Social Network che in queste ore rompono il silenzio e diventano piazza, luogo di discussione e confronto, stimolando giornali e tv. Riportando tutti alle proprie responsabilità, non solo i tifosi (quelli che quando sbagliano, pagano sempre).
Qualcuno dirà: “è soltanto una battuta sbagliata”. Però, in America, Shelly Sterling, è stato squalificato a vita e ha dovuto vendere i Clippers per una frase razzista. Perché chi pensa questo non può avere un ruolo pubblico.
Soprattutto in un momento come questo.
Il calcio italiano è a pezzi. La priorità assoluta adesso è cercare con ogni forza una pace possibile dopo la morte di Ciro Esposito, seguendo l’esempio strepitoso e civilissimo che ci ha dato sua madre, Antonella Leardi.
Il secondo tema è tecnico: serve un CT carismatico (e invece Tavecchio vuole seconde linee federali) e una rivoluzione culturale fin dai settori giovanili. Oggi serve il cambiamento, non la continuità.
Il tema non è per forza generazionale. Conosco settantenni lucidi, coraggiosi e giovanissimi di spirito e idee. Ma nessuno di loro al momento è candidato alla presidenza della Federcalcio”.

Un attacco frontale quello del giornalista Pardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy