Roma, ecco come si presenta Iturbe: “Nessun viaggio per Torino. Voglio crescere con Totti”

Occhio lucido, tanta emozione ma condita dalla giusta voglia e determinazione. Oggi alle 12.15 circa Juan Manuel Iturbe, neo acquisto giallorosso, si è presentato in conferenza stampa a Trigoria parlando per la prima volta da giocatore capitolino. Piedi per terra e voglia di crescere, questo è stato il tema portante della conferenza dell’argentino arrivato dal Verona. Il giocatore visibilmente emozionato

Fonte: SoccerMagazine
Fonte: SoccerMagazine

Ecco il testo integrale dai nostri inviati a Trigoria:

 

Introduce il global CEO Italo Zanzi:

 

“Grazie a tutti per essere qui. Siamo molto felici di presentare un grande giocatore con un grande futuro. Vogliamo prendere ragazzi con un giovane talento. Iturbe benvenuto alla Roma.”

 

Che sensazioni hai avuto? Ritieni che il gioco di Garcia sia ideale?

 

“Voglio ringraziare tutti. Sono felice di essere qui in una grande squadre. Grazie a Walter, ora devo allenarmi per restare in una squadre che compete tanto.”

 

Sei il grande colpo di mercato, il più costoso della nuova proprietà. Sei il secondo all time dopo Batistuta, sei qui come lui per lo scudetto?

 

“Sono qui per imparare, sono ancora giovane e con Garcia imparerò tante cose che mi mancano ancora. Siamo una squadra competitiva e andiamo sempre avanti sperando di fare bene.”

 

Sei stato l’oggetto del desiderio. Real, Atletico, Juve ma ora sei alla Roma. Come hai vissuto queste settimane? Pensavi di andare in Spagna o alla Juve?

 

“Non lo so. Sono sincero, ero in vacanza con la mia famiglia e non sapevo niente del mercato. Sono arrivato da due giorni e il mio procuratore mi ha spiegato. La Roma ha fatto un bel mercato perché non era facile negoziare con il Verona. Io però non sapevo nulla del mercato prima.”

 

Cosa ti ha detto Garcia, dove pensi di giocare?

 

“Io sinceramente sono qui per lavorare. Sono davvero contento di allenarmi con un tecnico che conosce tanto il calcio. Mi ha detto che mi voleva come al Verona e vedremo in che ruolo giocherò.”

 

Tu hai twittato che le vacanze erano terminate, ti aspettavi di venire alla Roma?

 

“Sono arrivato da qualche giorno in Italia e il mio procuratore mi ha aggiornato sulla situazione. Io volevo venire qui e grazie a Dio sono in una squadra bellissima.”

 

Spesso i giocatori giovani come te sono incostanti e pensano spesso alle giocate più che alla squadra. Tu hai dimostrato invece caratteristiche diverse, questo ti contraddistingue?

 

“A me piace essere cattivo e deciso in campo. I difensori sono cattivi e lo sono anche io, diciamo che sono un po’ pazzo ma mi piace.”

 

Hai detto di non sapere nulla del mercato. Hai dovuto scegliere tra Juve e Roma insieme al procuratore? Perché hai scelto la Roma? Pensi di poter puntare al campionato?

 

“Come detto, sono arrivato a Roma e mi hanno detto che la Roma era interessata a me ed era chiara la situazione. Io volevo allenarmi al più presto e la Roma ha fatto una buona offerta al Verona, sono qui e sono felice.”

 

Sei stato accolto molto calorosamente, come gestirai queste pressioni? Come tis ei trovato?

 

“Sono tranquillo, mi piace il calore della gente a Roma. Si vive di più. Sono qui per lavorare e imparare come ho già detto.”

 

Quando il tuo procuratore ti ha informato, era per la Juve o la Roma? Sabatini ha fatto un blitz? In base a cosa hai scelto?

 

“Io non avevo nessun viaggio per Torino. Io sono stato a Roma perché c’era il mio procuratore. Appena arrivato mi ha detto che c’era questa offerta buona e io gli ho detto di continuare e il giorno dopo abbiamo firmato.”

 

L’anno scorso era una stagione importante, tanti gol e tanti assist, la prossima sarà quella della consacrazione?

 

“Non lo so, se il mister mi fa giocare si (ride, ndr). Sono qui per imparare, sono in una squadra bellissima con Totti e De Rossi. Imparerò tanto accanto a loro.”

 

Tu giocherai con Totti, la Roma da tanti anni cerca il suo erede, sei pronto ad esserlo? Oppure vuoi provare in futuro altre esperienze?

 

“Giocare accanto a Totti che qui è un idolo, il giocatore più importante della Roma è un orgoglio. Voglio imparare come ho fatto con Toni al Verona.”

 

Hai già parlato con Garcia? Che idea ti sei fatto?

 

“Lui vuole giocare con il 4-3-3, non abbiamo parlato tanto ma credo che farò quello che ho fatto l’anno scorso.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy