Roma, parla l’agente di Destro: “Il pugno ad Astori è stata involontario, sono cose di campo”

Non è bastata la tripletta con cui ha steso il Cagliari, il nome di Mattia Destro è quello probabilmente più caldo di questa giornata di Serie A.Mattia Destro Il centravanti di Ascoli Piceno con i suoi 13 gol in campionato torna prepotentemente nel toto-Mondiale e vuole mettere in difficoltà il ct azzurro Prandelli. Oltre ai gol siglati, la prestazione di Cagliari di Destro ha fatto – e fa ancora – discutere per la “manata” rifilata ad Astori nel corso del primo tempo di gioco. A tal proposito è intervenuto il suo procuratore, Renzo Contratto, che a calcionews24 ha dichiarato:

Una Roma nel segno di Mattia Destro, una media gol da convocazione al Mondiale, non crede?
Sono valutazioni che dovrà il c.t. Io credo che con i fatti stia ponendo la sua seria candidatura al Mondiale in Brasile ed è questa la cosa che conta di più. Uno scenario che era difficile da pronosticare solo cinque mesi fa e adesso, con i fatti, credo che stia meritando di meritare questa opportunità”.

Erano girate tante voci sull’infortunio di Mattia, adesso per voi questa è una doppia rivincita?
Guardi non voglio parlare di queste cose, il passato è passato. Quel che conta è il presente e il futuro, Mattia sta benissimo. Sta dimostrando con i numeri, perchè questi alla fine contano, di essere un giocatore importante, con una media-gol straordinaria. Ma sopratutto con una condizione fisica che il suo allenatore Garica ha definito ottimale. Questi sono i dati che interessano, il resto è soltanto polemica a cui non voglio cadere”.

Parole al miele quelle di ieri del tecnico che lo ha definito un attaccante completo.
“Io conosco Mattia da dieci anni e quindi sono l’ultima persona a cui vanno chieste queste cose su di lui. Ho sempre detto che era un predestinato del nostro calcio, adesso lo tsa dimostrando con i fatti”.

Unico neo, ieri, è il presunto colpo dato ad Astori.
Sono cose che in campo possono capitare, è stato un gesto totalmente involontario. Poi i due ragazzi si conoscono e hanno chiarito tutto con serenità”.


Una Roma che crede nello scudetto dopo una stagione esaltante. Cosa manca ai giallorossi per raggiungere il livello della Juventus che porta avanti questo progetto da tre anni?
Io credo che la Roma, con la Juventus, sia la società con il progetto sportivo più chiaro. E’ stato approvato il progetto stadio, dal punto di vista tecnico ha il migliore direttore sportivo italiano e mi riferisco a Walter Sabatini. Insieme a Garica troveranno i giocatori adatti per rinforzare la squadra in vista del prossimo doppio impegno tra Champions e campionato”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy