Roma, quale futuro per Garcia?

Attenzione, prendiamo il titolo con le pinze: Garcia è entusiasta di allenare la Roma, ma la pazienza ha un limite anche per una persona compassata come lui. Il 4-3-3 dell’allenatore comincia a dare i suoi frutti e i giocatori sembrano entusiasti del tecnico transalpino che, a detta di tutti, sembra che abbia già mostrato il suo carisma e le sue doti da comunicatore esperto a tutta Trigoria.

Fonte: mustapha_ennaimi (Wikipedia)
Fonte: mustapha_ennaimi (Wikipedia)

Certo, quando parliamo di giocatori, bisogna vedere di chi si parla e soprattutto, di chi resta; infatti tra la cessione irrinunciabile di Marquinhos (31,2 mln) e quella “punitiva” di Osvaldo (17 mln), pare oramai anche in dirittura d’arrivo la cessione di uno dei fantasisti più promettenti del calcio mondiale, Erik Lamela, per una cifra vicina ai 30 milioni di sterline (38 mln di euro). Tutto ciò, soprattutto in considerazione dell’ultima operazione in uscita, non ha reso contento Garcia che, nonostante avesse chiesto Lucas Digne, Chiriches e un centravanti che potesse garantire i gol di Osvaldo, si è visto solo privato dei migliori giocatori della passata stagione. Sabatini ha a disposizione pochi giorni per “rifondare” una squadra che era stata completata nel periodo ferragostiano con l’arrivo di Gervinho (unico acquisto garantitogli da Sabatini al tecnico) e che ora ha appena messo il tecnico di fronte ad un’altra rivoluzione tecnica, con il Livorno che, intanto, domenica ergerà la trincea, forte del caos che ora domina a Trigoria. E così, in questo tugurio mediatico e di mercato, Garcia non appare tranquillo e le sue preoccupazioni potrebbero aumentare se il mercato non dovesse soddisfare le sue ambizioni, sperando che Sabatini gli serva su un piatto d’argento giocatori di alto livello (Nani? Eto’o?) per non dover affrontare la stagione con elementi come Caprari e Florenzi attaccanti esterni. Che dire? I tifosi cominciano a deprimersi, la luce in fondo al tunnel ancora non si scorge, e intanto l’alibi di questa Roma rimane sempre Francesco Totti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy