Serie A, Palermo-Pescara 1-1, cronaca e pagelle

Non si può definire propriamente esaltante il debutto di Malesani sulla panchina del Palermo.

Fonte immagine: PacoSoares da wikipedia
Fonte immagine: PacoSoares da wikipedia

Al Barbera si conclude sull’1-1 il fondamentale scontro salvezza contro il Pescara. Vantaggio pescarese di Bjarnason annullato dal pari targato Fabbrini. Ma veniamo alla cronaca della partita. Partenza propositiva delle due squadre. Prima emozione degna di nota in una punizione di D’agostino al minuto 8, che finisce decisamente a lato. Risposta rosanero poco più tardi affidata al destro di Arevalo Rios, deviato in calcio d’angolo. Tentativo dello stesso centrocampista al 23′, palla alta sopra la traversa. La gara comincia a regalare le prime vere e proprie occasioni da gol. Alla mezz’ora due situazioni contrapposte, entrambe da calcio d’angolo: dapprima, nell’area del rigore del Palermo, tiro debole di Blasi, facilmente bloccato da Sorrentino. Poco dopo, stessa dinamica, ma a lati invertiti. Colpo di testa di Munoz insidioso, ma impreciso. Ancora una volta il Palermo si rende pericoloso con Fabbrini, ma il suo destro termina a lato della porta difesa da Perin. Al 38′ Caraglio viene servito in area da un gran cross di CelikMunoz copre sul biancazzurro, che calcia male: palla fuori. Tre minuti più tardi tiro-cross velenoso dell’esterno pescarese Zanon, ma nulla di fatto. Il primo tempo si conclude a reti inviolate. Grande ritmo, ma poca precisione negli atti conclusivi delle azioni. Ripresa più tonica e scintillante rispetto alla prima frazione di gioco. Parte meglio il Pescara: nel giro di un minuto, due conclusioni, seppur velleitarie, ad opera di Caprari e D’Agostino, quest’ultima sopra la traversa. Il Palermo subisce il forcing iniziale degli ospiti. Ci prova Rizzo al 50′, ma non inquadra la porta. Al 55′, uno spento Dybala lascia il posto a Boselli nell’attacco rosanero. Pronto, via e arriva la sua prima occasione. Sugli sviluppi di un calcio piazzato, il colpo di testa finisce di poco fuori. Dopo un monologo biancazzurro, risorge la squadra di Malesani. Un rimpallo fortuito favorisce Dossena, che si ritrova il pallone sul sinistro. Calcia in diagonale al 59′, ma la mira è totalmente sbagliata. Il match si infiamma. Ci sono capovolgimenti da un fronte all’altro. Caprari si ritrova d’improvviso solo davanti alla porta due minuti più tardi, ottima la risposta di Sorrentino che gli chiude lo specchio. La pressione del Pescara si concretizza al minuto 73: punizione ben calciata da D’Agostino, colpo di testa preciso di Bjarnason nell’angolo destro, nulla può l’estremo difensore rosanero. A questo punto, sembra essere tutta in salita la gara per i padroni di casa. Dapprima, la reazione è affidata a Munoz. Sugli sviluppi dell’azione, arriva il pareggio firmato da Fabbrini, che insacca alle spalle di Perin, su assist involontario dello stesso Munoz.  Comincia l’assedio finale del Palermo, ma non sortisce gli effetti sperati. Ci prova lo stesso autore del gol, ma il suo tiro finisce alto. Brivido finale all’ultimo secondo. Il cross pennellato di Cascione non trova nessuno a ribadire in rete. La sfida si chiude in parità. Un risultato tutto sommato giusto per quanto visto in campo. Un pari che soddisfa leggermente gli ospiti, rispetto ai rosanero. Prossimi impegni di campionato per le due squadre rispettivamente contro Cagliari e Chievo.

 

TABELLINO
PALERMO-PESCARA 1-1

Bjarnason 28′ st, Fabbrini 34′ st

PALERMO (3-5-2) Sorrentino 6; Munoz 6,5, Von Bergen 5,5, Aronica 5,5; Nelson 6 (37′ st Formica S.V.), Barreto 6, Donati 5 (32’st Kurtic 6), Rios 5,5, Dossena 5,5; Dybala 5 (12’st Boselli 6), Fabbrini 7 (Benussi, Brichetto, Garcia, Morganella, Sanseverino, Viola, Anselmo, Sperduti, Faurlin). All: Malesani 6.

PESCARA (4-3-3) Perin 6; Zanon 5,5, Bianchi Arce 5, Cosic 5 (1′ st Zauri 6), Bocchetti 6; Blasi 5,5 (33’st Cascione S.V.), D’Agostino 6,5, Rizzo 5; Caprari 5 (21′ st Bjarnason 6,5), Caraglio 5,5, Celik 5,5 (Pelizzoli, Balzano, Savelloni, Vukusic, Abbruscato). All: Bergodi 5,5.

ARBITRO: Irrati 6.

AMMONITI: Rizzo, Blasi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy