Serie A, Udinese-Palermo 1-3: i rosanero espugnano il “Friuli”

Ritorna alla vittoria il Palermo di Beppe Iachini e lo fa con una prestazione più che convincente allo stadio “Friuli” di Udine contro l’Udinese di Stramaccioni vincendo per 3-1.

Fonte immagine: Wikipedia
Fonte immagine: Wikipedia

Uscire dalla crisi. È un obiettivo comune per Udinese e Palermo che arrivano da un periodo nero: i bianconeri negli ultimi 9 incontri hanno vinto una volta sola e vengono dalla sconfitta infrasettimanale nel recupero con il Parma; i rosanero, invece, non vincono da due mesi perdendo lo smalto visto a inizio stagione e nelle ultime tre giornate sono arrivate altrettante sconfitte. Per tornare alla vittoria tutti e due gli allenatori si affidano al 3-5-2: Stramaccioni recupera Pinzi che parte titolare mentre non ce la fa Kone che si accomoda in tribuna. In attacco spazio al tandem Thereaux-Di Natale. Modulo speculare per Iachini che sorprende tutti dopo aver annunciato la difesa a quattro tornando al suo schema classico con Chochev che rileva l’infortunato Barreto e Jajalo che vince il ballottaggio con Maresca. Confermati Dybala e Vazquez in avanti, con Quaison e Belotti che si accomodano in panchina.

I primi minuti sono interamente di marca bianconera con l’Udinese che parte subito aggressiva e dopo 2 minuti ha la prima occasione con Totò Di Natale che dal limite sinistro dell’area prova un destro a giro sul palo più lontano ma la sfera si spegne sul fondo. Il Palermo prova a guadagnare campo con il passare dei minuti ed al 15° minuto i rosanero passano in vantaggio con un eurogoal di Achraf Lazaar: cambio di fronte di Dybala verso il marocchino che riceve palla ai trenta metri e scarica un potente mancino che si insacca all’incrocio dei pali dove Karnezis non può arrivare. Il goal dell’1-0 dà morale al Palermo che continua a spingere ed al 21° minuto trova il goal del raddoppio con Luca Rigoni, al sesto centro stagionale: Vazquez riesce a tenere in campo un pallone difficile ed in scivolata serve Dybala in velocità che entra in area riuscendo a resistere al pressing di Wague e crossa al centro dove c’è Rigoni pronto ad insaccare a porta sguarnita. I due goal degli uomini di Iachini stordiscono l’Udinese, beccato dai fischi del pubblico friuliano, che non riesce a reagire vista una manovra poco fluida e la tanta imprecisione. Nel finale di tempo il Palermo va vicino al goal del tris con Dybala che servito in profondità da Vazquez si ritrova a tu per tu con Karnezis, lo salta e colpisce con il destro a porta vuota ma il pallone si infrange sul palo.

Nella ripresa l’Udinese prova una reazione dopo un primo tempo giocato male ma la squadra di Stramaccioni ripete lo stesso copione nel secondo tempo con una manovra molto lenta e macchinosa con i giocatori avanzati che non fanno movimento. Il Palermo, allora, prova ad abbassare il ritmo visto il doppio vantaggio ma al 52° minuto rischia di mettersi dentro da solo il pallone quando, su cross di Guilherme, Jajalo la tocca di testa per allontanarla ma la sfera sfiora il palo alla sinistra di Sorrentino. Al 63° minuto c’è la più grande occasione della ripresa per i padroni di casa: tiro di Widmer deviato che finisce sui piedi di Pinzi ma da dentro l’area calcia a lato. Passano tre minuti ed il Palermo cala il tris con il primo goal in Italia di Ivalyo Chochev bravo a farsi trovare in area e ad insaccare di testa il cross di Rispoli. Il 3-0 dei rosanero sembra mandare in ghiaccio la partita ma i ritmi restano elevati e la squadra di Iachini all’80° minuto va vicino al poker con Rispoli che dal limite dell’area, su una palla vagante, calcia un destro potente che però si infrange sulla base del palo. Passa appena un minuto e sul ribaltamento di fronte l’Udinese accorcia le distanze con il solito Totò Di Natale che raccoglie un bel passaggio di Allan e, tutto solo in area, calcia un destro preciso che Sorrentino non può prendere. Il goal riaccende le speranze degli uomini di Stramaccioni che nel finale provano l’assedio alla ricerca di un goal che riapra definitivamente la partita ma la rimonta è un utopia e dopo 3 minuti di recupero l’arbitro Tommasi fischia la fine dell’incontro.

Finisce 1-3 al Friuli con il Palermo che ritorna alla vittoria dopo quasi due mesi e sfata il tabù Udinese visto che in casa dei bianconeri non vinceva dal 2007: adesso per gli uomini di Iachini i punti in classifica sono 38 e la salvezza sembra ormai cosa fatta. Per l’Udinese, invece, questa è la seconda sconfitta consecutiva a conferma di un periodo nero nonostante i 34 punti siano una certezza per una salvezza quasi acquisita.

UDINESE-PALERMO 1-3
MARCATORI: 15′ Lazaar (P), 21′ Rigoni (P), 66′ Chochev (P), 81′ Di Natale (U)

UDINESE (3-5-2): Karnezis 5,5; Wague 4,5, Danilo 5, Piris 5,5 (46′ Perica 5); Widmer 5,5 , Guilherme 5 (78′ Aguirre S.V.), Allan 5, Pinzi 5, Gabriel Silva 4,5; Thereau 4,5 (69′ Badu S.V.), Di Natale 6. All. Stramaccioni

PALERMO (3-5-2): Sorrentino 6; Vitiello 6,5, Gonzalez 6,5, Andelkovic 6,5; Rispoli 7, Rigoni 7, Jajalo 7 (67′ Bolzoni 6), Chochev 7, Lazaar 7; Vazquez 7 (73′ Belotti S.V. a sua volta sostituito all’84 da Maresca S.V.), Dybala 7. All. Iachini

ARBITRO: Dino Tommasi di Bassano del Grappa
AMMONITI: Danilo (U), Guilherme (U), Aguirre (U)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy