Torino-Empoli 0-1, le pagelle dell’incontro: Padelli da incubo, Saponara star

L’Empoli espugna l’Olimpico battendo il Torino per 1-0 grazie ad una prestazione di livello e al clamoroso autogol di Padelli che valgono l’aritmetica salvezza per gli uomini di Sarri. Ecco le pagelle dell’incontro.

L'Empoli festeggia un gol. Fonte: empolifc.com
L’Empoli festeggia un gol. Fonte: empolifc.com

TORINO

Padelli 3 – Un autogol che non può passare inosservato: tanto goffo quanto inspiegabile il suo rinvio finisce in porta e costa partita e molto probabilmente Europa League al suo Torino. Nel suo primo tempo da incubo riesce a regalare a Pucciarelli anche la chance del raddoppio ma è fortunato nel salvarsi. Disastro.

Moretti 5,5 – Le giocate verticali dell’Empoli lo mettono in seria difficoltà soprattutto in avvio di gara dove fatica a trovare le misure; non ha colpe sull’”assist” servito a Padelli in occasione del gol. Più rilassato nella ripresa quando gli avversari premono di meno.

Glik 6 – Soffre anche lui nel primo tempo dove le percussioni di Saponara fanno saltare gli schemi difensivi granata. Dopo il tunnel rimediato dall’ex Milan trova le misure e torna il solito leader difensivo.

Maksimovic 5,5 – Un difensore fisico come lui soffre squadre leggere e veloci come l’Empoli di Sarri e nella prima frazione va in affanno in più occasioni. Nella ripresa il possesso palla viene impostato da dietro con troppa lentezza.

Darmian 6 – Il giocatore del Torino che ci prova di più anche se le sue sgambate sono spesso inconcludenti. Nelle sporadiche ripartenze granata dà la giusta ampiezza ma i suoi compagni non sono altrettanto svegli.

Gazzi 6 – Bravo a tenere la posizione e ad evitare che l’Empoli continui le sue scorribande anche nella ripresa. Poco preciso dalla trequarti in poi, zona non di sua competenza.

El Kaddouri 6 – Il suo sinistro che costringe Sepe ad usare i pugni è l’occasione più nitida di un primo tempo nero. Imposta e prova a dare qualità finché ne ha. Dal 77’ Farnerud s.v.

Gonzalez 5,5 – Dopo un primo tempo passato a correre appresso agli avversari, nella ripresa riesce a partecipare maggiormente alla manovra senza però particolari acuti.

Molinaro 5 – In difficoltà seria per tutta la prima parte di gara, è uno dei peggiori in campo nel Torino. Ventura sceglie lui come vittima da sacrificare all’intervallo. Dal 55’ Bruno Peres 6 – Entra e sembra avere quel cambio di passo che serve alla sua squadra per rimontare. Tuttavia fatica per trovare il fondo e cross pericolosi ma gioca con impegno fino alla fine.

Martinez 5 – Elemento emblematico di una squadra che nel primo tempo non crea praticamente nulla. Nessun tiro e poco lavoro per la squadra. Delusione. Dal 57’ Maxi Lopez 5,5 – Il suo ingresso doveva portare qualcosa in più alla squadra ma in area di rigore si fa sovrastare dalla giovane coppia Rugani-Barba. Mai pericoloso.

Quagliarella 6 – Si danna l’anima per far svegliare i suoi e cerca la porta da ogni dove. Vorrebbe pareggiarla a solo la partita ma il grande caldo e un Empoli organizzato gli impediscono l’impresa.

 

EMPOLI

Sepe 6,5 – Chiamato poche volte in causa ma sempre reattivo: usa bene i pugni sulle bombe di El Kaddouri e Quagliarella evitando il ritorno del Torino.

Mario Rui 6 – Compito non facile quello di arginare Darmian ma va in crisi solo in poche occasioni.

Barba 6 – Deciso e pulito per tutta la partita, gioca con spensieratezza e intelligenza. Bravo nell’arginare Martinez prima e Maxi Lopez poi.

Rugani 6 – Così come il collega di reparto non commette una sbavatura in tutta la partita. Solida realtà di un Empoli che ha trovato in lui una grande certezza.

Hysaj 6 – Troppo facile nel primo tempo controllare un Molinaro che ha poco altro da dire e da dare a questo campionato. Nella ripresa deve fronteggiare Bruno Peres, decisamente più fresco e pericoloso ma non sfigura nemmeno in marcatura sul brasiliano.

Zielinski 6,5 – Insidioso tra le linee, punge con costanza la difesa del Torino con inserimenti con e senza palla. Esce nella ripresa a corto di fiato. Dal 63’ Croce 6 – Il suo ingresso dà equilibrio ad una squadra che rischiava di sfaldarsi: anche grazie alla sua esperienza il possesso palla del Torino rimane sterile e poco efficace.

Valdifiori 6 – Nel primo tempo infila palloni su palloni e fa correre a vuoto i suoi avversari. Più prudente e cervellotico nella ripresa dove lui e i suoi compagni devono rifiatare e gestire.

Vecino 6 – Il palo in avvio gli nega la gioia di un gol meritato: al centro o sulla destra per lui non fa differenza e proprio le tanti chiavi tattiche a disposizione di Sarri consentono all’Empoli di giocare un calcio divertente e vario.  Dal 71’ Signorelli 6 – Poche occasioni per mettersi in mostra, si limita al suo dovere.

Saponara 7 – DI gran lunga il migliore in campo di questo pomeriggio: nel primo tempo porta a spasso con irrisoria semplicità tutta la difesa granata concedendosi anche il lusso di un tunnel a Glik. Crea spazi e superiorità per larghi tratti di una partita esemplare.

Pucciarelli 6 – Grazia Padelli in occasione del secondo regalo di giornata a fine primo tempo cercando una giocata improbabile. Mostra la sua tecnica solo nei primi 45’, poi tende ad eclissarsi.

Maccarone 6,5 – Lavoro di grande esperienza il suo: riesce a tenere su la squadra e a rendere vivo il gioco dei compagni finché ne ha. Poi anni e fiato si fanno sentire e alza il braccio chiedendo il cambio. Dal 75’ Mchedlidze 6 – Nel suo quarto d’ora si impegna e trova anche una conclusione pericolosa: forse con la squadra già salva potrà giocare qualche minuto in più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy