Zago parla della Roma: “Giallorossi più forti della Juventus”

Carlos Antonio Zago torna a parlare della Roma.

La Curva Sud giallorossa. Fonte: Mattia Simoncelli (flickr.com)
La Curva Sud giallorossa. Fonte: Mattia Simoncelli (flickr.com)

Zago con la squadra giallorossa ha vinto uno scudetto e una supercoppa italiana. Ha smesso di giocare nel 2007, oggi fa l’assistente tecnico di Lucescu allo Shakhtar Donetsk, dove ha assistito all’orrore della guerra civile: “Abbiamo passato dei giorni sotto i bombardamenti, ma oggi per fortuna la situazione sta migliorando e noi ci siamo spostati a Kiev, dove sembra tutto più tranquillo”. Il campionato ucraino va bene, lo Shakhtar è terzo, ci alleniamo lontano dai nostri campi, ma dobbiamo lavorare con continuità per trovare la forma migliore”.

Dopo questa parentesi sulla sua attuale attività è passato a parlare del campionato italiano e anche di Juventus-Roma, la partita dello scandalo: “Seguo sempre il campionato italiano quando posso, vedo tutte le partite da Kiev, ci sono molti canali che trasmettono il campionato di A. Mi è sempre piaciuto il calcio italiano, spero che le cose migliorino e che i grandi campioni ritornino a popolare il campionato” . Su Juventus-Roma dice: ” E’ stata una partita complicata. Colpa dell’arbitro che ha concesso tre rigori dubbi, poi la questione era finita lì, ma siccome in tutta Italia c’è sempre questa moda di fare casino dopo le partite, l’eco delle polemiche è arrivato fino in Ucraina. E’ stata una partita emozionante fino alla fine. Roma e Juventus devono lottare per lo Scudetto, sono le più attrezzate e spero ci siano ancora delle gare così intense, magari senza polemiche. Nonostante tutto penso che la Roma possa vincere lo Scudetto. Ha grandi campioni e sta facendo bene, se supera il girone in Champions , l’entusiasmo può cementare il gruppo, vincere sarà più facile. La Roma è più forte della Juventus. Sta dando continuità a quanto fatto lo scorso anno e per gli acquisti che ha fatto in questo mercato penso sia superiore. Ha mantenuto lo stesso allenatore e ha costruito una corazzata”

Per finire ha parlato anche del capitano Francesco Totti: “Non lo so quando Francesco smetterà di giocare. Con Totti ci ho giocato e ci ho lavorato. E’ il primo ad arrivare a Trigoria, l’ultimo ad andarsene. Ci tiene a giocare e finché fa bene deve continuare, poi quando le cose cominciano ad andare per un altro verso è giusto che smetta. Deve fare bella figura sul campo e smettere da campione. Con lui si sogna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy