Avellino, il presidente analizza il cammino: “Commesso quale errore”

L’Avellino, rispetto alle passate stagioni, non sta attraversando un periodo roseo.

Fonte: Federico Berni
Fonte: Federico Berni

La formazione campana, dopo l’addio di Rastelli, sembra aver smarrito la strada sotto la guida di Tesser. Il club non decolla e regala prestazioni altalenanti: dopo 15 match le vittorie sono solo 4, 4 anche i pareggi e ben 7 le sconfitte, molte delle quali evitabili. I biancoverdi dovevano competere per i play off e si ritrovano a pochi punti dai play out. L’attacco è prolifico, ma la difesa continua ad incassare troppi gol, 25 fin ora.

A sostenere la squadra è il presidente Taccone. Il patron ammette di aver commesso qualche errore, come anche la squadra, ma tutti possono sbagliare e l’importante è rimediare. La strada è ancora lunga e l’Avellino può puntare in alto. La promozione non è un sogno e i play off sono raggiungibili. Ecco le parole del presidente ospite della trasmissione Irpinia TV: “Abbiamo commesso qualche errore, ma tutti possono sbagliare. Se le cose non andranno bene tutti faremo autocritica, a partire dal presidente fino al preparatore. Chiediamo scusa per gli errori commessi. Stiamo attraversando un periodo di difficoltà. Chiedo a tutti di stare più tranquilli. Abbiamo calciatori di spessore che non stanno rendendo bene. Tesser? Non credo che il mister sia sul banco degli imputati. È una persona molto ragionevole, che sa analizzare le varie situazioni”.

Poi una piccola parentesi sul mercato. Taccone è orientato ad acquistare qualche elemento importante per il mercato di gennaio, per dare una mano alla rosa e all’allenatore: “Sono disponibile a prendere nuovi calciatori. Ci sono tante formule per prenderli, io devo solo essere in condizione di pagare tutti gli stipendi. Trotta? Se deve partire per giocare titolare in Serie A lo potrei anche lasciare andare. Se invece deve fare la riserva preferisco che resti ad Avellino e poi in estate vedremo. Castaldo ha tante caratteristiche importanti. Oltre ad essere un ottimo calciatore è anche una grande leader e un trascinatore per l’intera squadra. Dà sempre il massimo. Potrà essere un esempio per tutta la rosa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *