Palermo, Iachini avverte: “Non dobbiamo sottovalutare il Varese”

Giornata di vigilia per la capolista della Serie B Palermo che domani sarà impegnata sul campo del Franco Ossola di Varese contro la squadra di Sottili. A parlare dell’incontro di campionato è stato l’allenatore dei rosanero, Beppe Iachini, nella consueta conferenza stampa svolta al Tenente Onorato.

Fonte: S.S. Juve Stabia
Fonte: S.S. Juve Stabia

Ecco le parole di Iachini: E’ la prima volta che ci troviamo a giocare più partite in una settimana, dovrò parlare con il mio staff per capire al meglio la situazione e mandare in campo chi ha le energie necessarie, io non amo fare turnover, ma giocheranno soltanto coloro che saranno in condizione, parlerò con i ragazzi e valuterò. Ancora c’è tanto lavoro da fare, è troppo presto per parlare di promozione perchè tutto può sempre succedere. Il Vareseprosegue il tecnico rosaneroè una squadra tosta, le ottime prove contro Trapani ed Empoli ne sono la prova. A gennaio hanno costruito una squadra per lottare per i play-off ed al momento sono tra le più in forma del campionato, non dovremo abbassare la guardia“. Prosegue poi parlando di una sua eventuale riconferma in A: “Non è importante quello che si dice o il contratto, la cosa importante è la stima reciproca tra me ed il presidente, io sono qui e lavoro sempre per il bene ed il futuro del Palermo. Ovviamente mi fanno piacere le parole di Zamparini, ma al momento dobbiamo stare con i piedi per terra e continuare a lavorare, più in la ci sarà tempo e modo di valutare altre situazioni. Verre? Ha qualità importanti ed ha tutta la mia fiducia, per ora sta giocando meno perchè ci troviamo ad avere un centrocampo con tanti giocatori di livello, davanti la difesa ad esempio ora c’è Maresca. Lafferty come Toni? Il paragone al momento è molto generoso, è giusto pero che un ragazzone più alto di 1,90 debba dare qualcosa in più sulle palle alte. Può ancora crescere ma tutto dipende dalla sua testa, noi continueremo sempre a lavorare sulle sue qualità, stiamo lavorando sul suo modo di saltare e sui movimenti in area perchè con quella stazza sui palloni alti deve e può essere letale.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy