Serie B: pareggi in Vicenza-Cesena e Entella-Lanciano. Crisi Spezia

Pomeriggio di gol e emozioni in Serie B dove il big match del pomeriggio tra Vicenza e Cesena finisce con un emozionante e tesissimo 1-1.

Fonte: Pottercomuneo (Wikipedia)
Fonte: Pottercomuneo (Wikipedia)

Ottimo l’avvio di gara di entrambe le squadre con gli uomini di Marino che prendono sempre di più la fisionomia della squadra dello scorso anno mentre il Cesena di Drago sa far male in ripartenza e copre benissimo il campo. In vantaggio ci vanno proprio i romagnoli dopo che Giacomelli dall’altra parte si era divorato ben due occasioni ghiotte e Galano aveva sfiorato il gol dell’anno con una bella percussione: Kessie, il migliore dei bianconeri, mette un pallone indietro dalla linea di fondo per Caldara che, salito per il corner precedente, chiude il diagonale destro e sblocca la partita.

Il Vicenza reagisce in fretta e nel finale del primo tempo trova il pareggio con una bella azione finalizzata da Cinelli che serve a Galano un pallone solo da spingere in gol.

Nel secondo tempo nervi tesi e meno spettacolo: la partita si accende solo nel finale quando il Cesena reclama un calcio di rigore che giustamente non viene assegnato perché l’intervento di Galano su Sensi era avvenuto al di fuori dell’area di rigore. Il pareggio finale rallenta ancora una volta il Cesena che in questo novembre non ha ancora vinto.

Finisce 1-1 anche tra Entella e Lanciano a Chiavari in una partita sicuramente meno spettacolare viste le differenze tecniche tra i giocatori in campo rispetto alla gara del menti. Il lanciano passa in vantaggio dopo aver sofferto: Di Cecco trova il gol che apre le mercature e la gara sembra essere sotto il controllo della squadra di D’Aversa. Più tardi però arriverà il pareggio dell’Entella su calcio di rigore con Caputo che rimetterà in equilibrio una partita destinata ad addormentarsi nella ripresa. Con questo 1-1 l’Entella sale a 18 e tiene a debita distanza la zona rossa; il Lanciano invece muove la classifica ma rimane ancora in zone pericolosissime.

In caduta libera lo Spezia di Bjelica che perde anche a Novara e sprofonda in classifica: un gol di Galabinov su assist di Faraoni nel finale di primo tempo mette in ginocchio i liguri che inceppano nella terza sconfitta consecutiva e da squadra rivelazione che puntava ai play off sono sempre più vicini alla zona play out. Ottimi tre punti invece per il Novara che sale addirittura in esta posizione e si conferma come la migliore delle neopromosse.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *