Argentina: brutti KO per River Plate e Rosario

Lunedì sera amaro per il River Plate che a San Juan contro il San Martin perde punti e chance di giocarsi il titolo: la Banda di Gallardo ancora con la pancia piena dopo la vittoria in Copa Libertadores non riesce a confermarsi e perde terreno nel testa a testa con San Lorenzo e Boca Juniors.

Autore: Guidote2 Fonte: Wikipedia.org
Autore: Guidote2
Fonte: Wikipedia.org

Finisce 1-0 per il Verdinegro il primo dei due posticipi del lunedì: i padroni di casa, squadra ricordata per lo storico 6-1 inflitto al Boca nel 2013, stavolta sgambettano il River Plate grazie ad un gol di Pumpido che in area di rigore trova il destro vincente che spiazza Barovero.

Gol decisivo e pesantissimo su più fronti: per il San Martin arrivano tre punti molto preziosi in ottica salvezza, unico traguardo stagionale dei sanjuanini; per il River Plate invece un KO mortale che tiene i Millionarios distanti ben 6 lunghezze dalla coppia di testa anche se manca ancora una partita all’appello nel calendario riverplatense.

Lunedì shock anche per il Rosario Central che dopo la gloriosa vittoria nel Clasico rosarino ha smarrito certezze e schemi difensivi: la Canalla cade in casa del Quilmes nonostante l’iniziale vantaggio firmato dal solito Ruben su pallonetto dopo la geniale imbeccata di Larrondo. Nella ripresa la reazione del Cervezero è letale e arriva quando il Rosario sembrava amministrare la gara: prima il pareggio splendido di Morales che con un colpo da giocoliere mette sotto scacco tutta la difesa degli auriazules; poi il gol del sorpasso con uno sfortunato autogol di Pablo Alvarez che devia nella propria porta un calcio di punizione avversario; infine allo scadere arriva la sentenza finale con l’incornata di Bieler su corner battuto da Droopy Gomez che sancisce il trionfo del Quilmes.

Il Cervezero allunga a quota 25 e avvicina sempre di più l’obiettivo salvezza nonostante un budget inesistente e una squadra tirata su con difficoltà; il Rosario con questa sconfitta rischia di uscire definitivamente dalla lotta al titolo e scivola alle spalle della sorpresa Belgrano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy