Argentina: Independiente e Tigre calano il tris, cade la capolista San Lorenzo

In Argentina è arrivato il grande giorno, segnato nel calendario di tutti gli appassionati della Primera Division: la fecha de los clasicos. Una giornata di campionato dedicata a tutte le grandi rivalità argentine. Nella giornata di sabato si sono disputati ben sette incontri e non sono mancati i goal e le sorprese.

Tifosi Independiente Fonte: Rubio Buitrago (Flickr.com)
Tifosi Independiente
Fonte: Rubio Buitrago (Flickr.com)

Iniziamo dal Libertadores de America dove l’Independiente stravince il Clasico de Avellaneda battendo con un secco 3-0 i rivali del Racing. Partita senza storia sin dai primi minuti con gli uomini del Flaco Pellegrino che tengono in mano il pallino del gioco: il goal del vantaggio dei diablos rojo arriva al 28° minuto con Martin Benitez che chiude una splendida triangolazione con Tolendo battendo El Chino Saja. Per il Racing la partita si complica due minuti più tardi quando Acuna, ingenuamente, colpisce al volto Mendez e lascia l’Academia in 10 uomini.

Nella ripresa il Racing prova una reazione con Diego Milito, il più attivo dei suoi, ma la partita è saldamente nelle mani dell’Independiente che al 36° minuto raddoppia con una splendida punizione di Jesus Mendez e la chiude definitivamente quattro minuti più tardi con Vega che lasciato tutto solo in area insacca facilmente di testa sul cross di Ortiz. Per i diablo rojo è l’undicesimo risultato utile consecutivo (l’ultima sconfitta risale al clasico di maggio quando perse al Cilindro) che li piazza al quinto posto a quota 41 punti insieme al River Plate, stasera impegnato nel Superclasico con il Boca.

Proprio il Boca ieri sera guardava con interesse il Clasico de Barrio tra l’Huracan e il San Lorenzo, leader della classifica, che cade contro el globe con il punteggio di 1-0. Una partita giocata male dal San Lorenzo che cade sotto i colpi di un Huracan che con una solida difesa argina gli attacchi del ciclon che si rende pericoloso solo a metà del primo tempo con Cauteruccio che da posizione defilata colpisce un palo, lo stesso che tre minuti prima ha colpito Wanchope per l’Huracan con una splendida mezza rovesciata che colpisce il montante.

Nella ripresa i ritmi si abbassano ma al 72° minuto El Pato Toranzo porta in vantaggio l’Huracan con una splendida punizione dalla destra che Torrico non può prendere. La partita per il San Lorenzo si complica qualche minuto più tardi quando resta addirittura in nove uomini per le espulsioni di Buffarini e Caruzzo che complicano la partita del ciclon che nel finale rischia di subire il secondo goal quando Bogado da calcio piazzato colpisce il palo. Finisce 1-0 al Palacio con l’Huracan che ritrova un successo dopo quasi due mesi mentre per il San Lorenzo è un brutto stop dopo il successo di sette giorni fa alla Bombonera perchè stasera il Boca potrebbe agganciarlo in vetta o, addirittura, superarlo.

L’altra grande rivalità di giornata era tra il Tigre ed il Velez: finisce con la vittoria del Matador che torna a battere el fortin dopo più di 2 anni e lo fa in grande stile con un secco 3-0 davanti ai propri tifosi. Una partita equilibrata, a tratti giocata meglio dal Velez, ma il Tigre è cinico ed al 18° minuto passa in vantaggio con il goal di Federico Gonzalez che con un perfetto mancino a giro sul palo più lontano batte Aguerre. Nella ripresa la partita si mette in discesa per gli uomini di Gustavo Alfaro e, complici gli errori della difesa del Velez, prima raddoppia con Facundo Sanchez e poi chiude l’incontro con Wilchez che approfitta di una vera e propria papera di Aguerre che si fa passare la palla tra le gambe. Il Tigre, adesso, è a quota 40 punti in piena lotta per la fase play off di Copa Libertadores.

Negli altri incontri di giornata, colpi esterni di Argentinos Jrs e Godoy Cruz che vincono con il punteggio di 2-1 contro Nueva Chicago e San Martin San Juan, vince anche l’Olimpo che in casa piega per 1-0 il Sarmiento Junin mentre finisce in parità l’incontro tra Atletico Rafaela e Belgrano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy