Euro 2016 bene la Germania: battuta l’Ucraina per 2-0

Buona la prima anche per la Germania: la formazione di Loew si aggiudica l’esordio a quest’Europeo battendo una buona Ucraina per 2-0. A portare i tedeschi in testa al Gruppo C assieme alla Polonia basta una rete di testa di Mustafi al 19′ del primo tempo e la rete sul finale di partita di Bastian Schweinsteiger.

Fonte immagine: Danilo Rossetti
Fonte immagine: Danilo Rossetti

A partire forte però è la Polonia con il loro uomo più pericoloso, Konoplyanka, con un tiro di prima intenzione che trova la pronta risposta di Neuer. La Germania trova immediatamente la giusta reazione per contrastare gli attacchi avversari e riesce a sbloccare il match con Mustafi che, servito da un calcio di punizione di Kroos, beffa il portiere polacco complice la debole marcatura di Sydorchuk.

Nonostante il vantaggio la nazionale Campione del Mondo non convince: l’Ucraina gestisce bene il pallone e riesce a pungere più volte grazie alle sfuriate incontenibili sulla fascia di Konoplyanka e Yarmolenko. Il centrocampista del Siviglia sfiora la rete del pari sul finire di primo tempo, ma trova la pronta reazione di Boateng che salva la palla proprio sulla linea di porta.

Nel secondo tempo l’Ucraina appare rinunciataria, decisamente diversa da quella vista nella prima frazione di gioco. La Germania ne approfitta per prendere nuovamente in mano il pallino del gioco e prova a far male sfruttando la velocità dei suoi attaccanti. L’ingresso di Schurrle sembra dare nuova linfa ai tedeschi: il numero 9 riesce a creare scompiglio nella retroguardia avversaria grazie alla sua velocità, accompagnato dal solito Muller.

È proprio da un veloce contropiede che nasce il gol del raddoppio, arrivato al secondo dei tre minuti di recupero: Ozil si accentra e trova l’inserimento di Schweinsteiger sul secondo palo che chiude definitivamente la partita. La Germania si aggiudica così la prima partita in questa competizione senza però convincere del tutto; buon primo tempo dell’Ucraina, mostratasi caparbia e capace di far male anche ad un avversario ben organizzato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *