Euro 2016, si parte: poche favorite e tante outsider

Ci siamo, questa sera alle ore 21 parte Euro 2016. Che Europeo sarà? La novità più sostanziale è che per la prima volta parteciperanno 24 squadre.

Fonte: Liondartois
Fonte: Liondartois
Tra le 24 squadre qualificate, 5 saranno all’esordio assoluto in un Europeo: Albania, Galles, Islanda, Irlanda del Nord e Slovacchia.
L’aumento delle squadre, da 16 a 24, permetterà la qualificazione a ben 4 migliori terze classificate, così da aumentare la competitività e diminuire il rischio biscotto (vedi quello Svezia-Danimarca del 2004 che costò caro all’Italia).

La competizione si svolgerà per la terza volta in Francia, il paese che ha ospitato anche la prima edizione (a 4 squadre ndr). Lo stadio della finale sarà lo Stade de France di Saint-Denis che ha una capienza di circa 81.000 posti.

Ma chi sono le favorite di Euro 2016? Chi potranno essere la Danimarca del 1992 e la Grecia del 2004?

Le favorite di questo Europeo sono essenzialmente 3: Francia, Germania e Spagna.

I padroni di casa partono con il favore dei pronostici. Le stelle Pogba e Griezmann sono sopportate da una squadra con tanta qualità e molta fisicità. Qualche dubbio riguarda la fase difeniva di Deschamps. L’occasione è di quelle ghiotte. Il pubblico di casa darà una mano essenziale e per la Francia quella dell’Europeo potrebbe essere una bella occasione per mettersi alle spalle gli attentanti di quest’ultimo periodo.

Subito dopo la Francia c’è la Germania. La squadra di Joachim Löw ha tantissimi giovani in rampa di lancio pronti a stupire l’Europa intera. I tedeschi hanno un’ossatura solida, un gioco ben collaudato e tanto talento. E poi storicamente almeno in semifinale ci arrivano sempre.

Un po’ più staccata c’è la Spagna. Per carità, la qualità della rosa è sempre di livello superiore, ma il nuovo ciclo di Vicente del Bosque non riesce a trovare una certa continuità. Di certo cercheranno di conquistare il terzo Europeo di fila.

Appena sotto le 3 favorite ci sono tantissime squadre outsider.

Partiamo dal Belgio. Gli uomini di Marc Wilmots dopo l’ottimo risultato ai Mondiali brasiliani (battuti ai quarti dall’Argentina ndr), ora hanno una certa maturità. Il talento e la qualità al Belgio non mancano, molto dipenderà dall’approccio psicologico e alla tenuta mentale dei calciatori, non abituati a certe manifestazioni. Ma se De Bruyne, Hazard e Lukaku girano tutto è possibile.

Un’altra possibile sorpresa potrebbe essere l’Inghilterra. Probabilmente è la miglior Nazionale inglese degli ultimi anni. Soprattutto, finalmente, ci sono 2 punte di grande valore: Kane e Vardy. Qui i problemi maggiori, oltre il carattere, potrebbero venire dal CT Roy Hodgson che ha dimostrato in più di un’occasione di non reggere certe competizioni.

Un’altra squadra che potrebbe stupire tutti è la Croazia. Una squadra veramente solida, con un centrocampo tra i migliori della competizione e un potenziale offensivo niente male.
Anche il Portogallo, agevolato da un girone abbastanza facile, potrebbe venir fuori alla distanza.

Le soprese piacevoli potrebbero essere l’Albania, la Slovaccchia, la Polonia e l’Austria.

Per ultima, non per importanza, abbiamo lasciato l’Italia di Conte. La nostra nazionale non parte con i favori dei pronostici e non ha grandissime qualità, complice le assenze di Marchisio e Verratti.
Tuttavia la difesa formata dal blocco Juve è una certezza non da poco. In più vogliamo aggiungerci la bravura di Conte nel farsi dare il 110% dai suoi calciatori. Se il CT riesce a trovare la giusta coppia d’attacco gli azzurri potrebbero stupire tutti.

Non ci resca che augurarvi un buon Euro 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *