FA Cup, vince l’Arsenal: battuto in finale l’Aston Villa per 4-0

Vince ed entra nella storia del FA Cup l’Arsenal di Arsene Wenger che a Wembley vince il trofeo calcistico più antico del mondo battendo con un rotondo 4-0 l’Aston Villa e trovando il 12° successo della sua storia, diventando la squadra con più Fa Cup nella sua bacheca staccando il Manchester United fermo a 11.

L'Arsenal festeggia un gol (Fonte: Ronnie Macdonald flickr.com)
L’Arsenal festeggia un gol (Fonte: Ronnie Macdonald flickr.com)

In casa Arsenal, Arsene Wenger lancia il consueto 4-2-3-1 con Szczesny che ritrova una maglia da titolare vincendo il ballottaggio con Ospina. Per il resto formazione ampiamente anticipata con l’unica sorpresa in attacco visto che Ramsey, Ozil e Sanchez saranno a supporto di Walcott e non Giroud, lasciato a sorpresa in panchina.

Nell’Aston Villa, invece, Sherwood riesce a recuperare Given, Okore e Richardson che partiranno titolari nel 4-3-2-1 disegnato dal tecnico dei Villans. Novità in attacco con Agbonlahor che parte dalla panchina mentre a supporto dell’unica punta Benteke ci saranno Grealish e N’Zogbia.

Sin dai primi minuti, la chiave di lettura dell’incontro sembra chiara: è l’Arsenal, come previsto, che prova a fare la partita contro un’Aston Villa che sin dai primi minuti si dimostra rinunciatario. La prima occasione dell’incontro arriva al quarto d’ora Koscielny che sugli sviluppi di un calcio d’angolo salta più in alto di tutti e colpisce di testa ma la sfera termina di poco a lato. Passano i minuti e le difficoltà dell’Aston Villa crescono così come il ritmo imposto dall’Arsenal che al 20° minuto ha la più grande occasione per passare in vantaggio con Ramsey che servito in area da Ozil si ritrova a tu per tu con Given ma spara la palla in curva. L’occasione di Ramsey, però, è stato solo un preludio del goal dei Gunners che dopo un’assedio di 40 minuti passano in vantaggio con Theo Walcott che su sponda di testa di Sanchez si fa trovare pronto in area per calciare un potente destro imprendibile per Given, portando la squadra di Wenger al riposo avanti di un goal.

Nella ripresa la partita si mette in discesa per l’Arsenal che al 50° minuto trova il raddoppio con Sanchez che mette a segno un’autentica perla con un potente destro dai 25 metri imprendibile per Given che resta a guardare. Tutto facile, tutto fin troppo facile per gli uomini di Wenger contro un’Aston Villa mai sceso in campo e che non trova mai spunti offensivi e che al 62° minuto subisce il terzo goal con Mertesacker che sugli sviluppi di un calcio d’angolo salta più in alto di tutti ed insacca la sfera sul secondo palo dando inizio alla festa biancorossa nonostante manchi ancora mezz’ora. Sherwood guarda dalla panchina impotente e manda in campo Agbonlahor e Bacuna per cercare una timida reazione che però non arriva e nel finale si conferma il monologo Arsenal che fa girare il pallone giocando con il cronometro e addirittura chiudendo il match con il poker di Giroud al 92° minuto che con un perfetto colpo di tacco su cross di Chamberlein batte Given e chiude la partita prima che inizi la festa dei Gunners.

 

ARSENAL-ASTON VILLA 4-0
MARCATORI: 40′ Walcott (A), 50′ Sanchez (A), 62′ Mertesacker (A), 92′ Giroud (A)

ARSENAL (4-2-3-1): Szczesny; Bellerin, Mertesacker, Koscielny, Monreal; Coquelin, Cazorla; Ramsey, Ozil (77′ Wilshere), Sanchez (90′ Oxlande-Chamberlain); Walcott (77′ Giroud). All. Wenger

ASTON VILLA (4-3-3): Given; Hutton, Vlaar, Okore, Richardson (68′ Bacuna); Cleverley, Westwood (71′ Sanchez), Delph; Grealish, N’Zogbia (53′ Agbonlahor); Benteke. All. Sherwood

ARBITRO: Jonathan Moss
AMMONITI: Cleverley (AV), Hutton (AV), Delph (AV), Westwood (AV)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy