FIFA, Blatter non ci sta: “Mi hanno sospeso senza ascoltarmi. I 2 milioni a Platini? Sono legittimi”

Sepp Blatter si sfoga intervistato dalla Gazzetta dello Sport.

Blatter Fonte: Roosewelt Pinheiro/Abr - wikipedia.org
Blatter Fonte: Roosewelt Pinheiro/Abr – wikipedia.org

 

L’ex presidente della FIFA commenta la sospensione di 90 giorni decisa dal Comitato Etico; comitato contro il quale domani si presenterà per difendersi da ogni accusa.

L’attacco di Blatter è duro: “Sono scioccato. Mi hanno sospeso 90 giorni senza neanche ascoltarmi. Allora vado con il mio bravo avvocato per difendermi: voglio essere sentito dai giudici”.

La sospensione nasce a seguito della scoperta del versamento di 2 milioni di franchi a Platini, ultimo scandalo di una FIFA sempre più nel mirino della giustizia: “Vi assicuro che i 2 milioni di franchi a Platini sono legittimi. A fine ’98 Michel mi ha detto: ‘Vorrei lavorare con te’. E io: ‘Benvenuto’. Lui ha aggiunto: ‘Guarda che sono un po’ caro, un milione all’anno’. Gli ho detto: ‘Vediamo cosa posso fare’. Un validissimo contratto orale. Non c’era il progetto Goal per aiutare i paesi più poveri, non c’era il calendario internazionale, lui ha lavorato bene. Poi a sorpresa è stato eletto alla Fifa e all‘Uefa, a sorpresa perché l’Europa non l’amava: era l’unico con me. E io non mi sono più occupato del pagamento, per una cosa o per l’altra, ma ho dato l’ordine di pagare. La richiesta è passata per la commissione finanze e il Congresso”.

Blatter ci tiene poi a precisare, nuovamente, quale sia la sua posizione all’interno del maggior organo calcistico mondiale: “Non mi sono dimesso, ho rimesso il mandato, è diverso. Per salvare la Fifa, perché c’era il caos. Dicevano che la Fifa era la mafia, ora vedono che è vittima. Sono ancora presidente e dovevano farmi finire il mandato”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *