Liga, 37° turno: ok Real, cade l’Atletico. Si infiamma la lotta salvezza

Un 37° turno ricco di emozioni nella Liga spagnola. Dieci incontri, tutti in contemporanea con due lotte accesissime: da un lato la corsa al titolo, dall’altro la lotta per non retrocedere.

Fonte: Francesco Mula de Haro, flickr
Fonte: Francesco Mula de Haro, flickr

Nelle parti alte, una squadra viene tagliata fuori per la vittoria della Liga: è l’Atletico Madrid del Cholo Simeone. I colchoneros cadono clamorosamente al Ciutad de Valencia contro il già retrocesso Levante che vince per 2-1: decisive le reti di Casadesus e Pepito Rossi che ribaltano il gol dopo 2 minuti di Fernando Torres. Restano in piena lotta, invece, Real Madrid e Barcellona: i blancos vincono soffrendo contro il Valencia (3-2 con una doppietta di Ronaldo) mentre i blaugrana passeggiano nel derby catalano contro l’Espanyol vincendo 5-0. Le due squadre sono separate da un punto in classifica e domenica prossima il Real farà visita al già salvo Deportivo La Coruna, mentre il Barcellona andrà in Andalucia dove il Granada si giocherà la salvezza in 90 minuti.

Proprio la lotta salvezza si infiamma ancora di più a 90 minuti dalla fine. Oltre al Levante retrocesso, l’unica squadra che vince in coda è il Granada: roboante 4-1 al Sanchez Pizjuan con Cuenca mattatore dell’incontro con due reti ed un assist. Con questi tre punti la squadra di Pozzo sale a quota 39, a +3 sulla coppia Getafe-Sporting Gijon che si annullano nello scontro diretto con un pari che non serve a nessuno. Crolla, invece, il Rayo Vallecano che cade a San Sebastian contro la Real Sociedad che vince per 2-1. Adesso la squadra di Paco Jemez si trova al penultimo posto con 35 punti e per salvarsi dovrà battere il Levante all’ultima giornata a Vallecas.

Accesa anche la lotta per il quinto posto: l’Athletic Bilbao pareggia per 0-0 in casa del Las Palmas e viene sorpassato in classifica dal Celta Vigo che stende per 1-0 il Malaga. Infine colpo del Deportivo La Coruna che espugna il Madrigal battendo per 2-0 il Villarreal.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *