Milan-Frosinone 3-3, le pagelle dei rossoneri: Menez evita la figuraccia

Allo stadio Meazza di Milano termina 3-3 lo scontro tra Milan e Frosinone: a segno Paganini, Kragl e Dionisi per gli ospiti e Bacca, Antonelli e Menez per i padroni di casa. Balotelli, che sbaglia anche un rigore, colpisce la traversa al 95’, di seguito le pagelle dei rossoneri:

Jeremy Menez. Fonte: football.fr
Jeremy Menez. Fonte: football.fr

Donnarumma 5: non perfetto in occasione di tutti e tre i gol degli ospiti, piccolo passo indietro in termini di prestazioni.

Abate 5,5: meno bene rispetto alle ultime prove, nonostante offra un assist (in collaborazione con Bardi), in occasione del 1-2 di Bacca (dal 73’ Antonelli 6,5: gol in rovesciata per presentarsi, corre bene sulla sinistra)

Alex 4,5: fase calante anche per il centrale brasiliano, che commette un errore sesquipedale quando fa partire il contropiede di Dionisi.

Romagnoli 5,5: nessun errore particolare ma sembra aver perso certezze dopo l’addio di Mihajlovic.

De Sciglio 5: non si nota ne in fase di difesa che in quella di attacco, sia a destra che a sinistra.

Kucka 5,5: lo slovacco si impegna anche oggi ma serve qualcosa in più.

Montolivo 5: tempi sbagliati, nessuno spunto e poca corsa, nel ruolo da regista nel centrocampo a tre costruito da Brocchi è molto in difficoltà.

Josè Mauri 5,5: seconda consecutiva da titolare nel periodo stagionale più brutto della stagione rossonera, ma questo non aiuta ( dal 78’ Menez 6: entra e segna il rigore del pareggio).

Honda 5,5: aveva fatto molto bene da esterno destro nel centrocampo a quattro, appare molto in difficoltà da trequartista. Sembra manchino i ritmi di gioco oltre che un po’ di qualità (dal 69’ Luiz Adriano 5,5: Brocchi lo inserisce per dare peso all’attacco, la situazione non cambia, però, molto).

Bacca 6: appare sempre confusionario in fase di possesso palla, fallisce qualche occasione ma è prontissimo a ribadire in rete l’occasione che il portiere avversario gli regala letteralmente.

Balotelli 5: il rigore fallito pesa sulla valutazione, la traversa finale avrebbe potuto cambiare il giudizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *