Qual. Euro 2016: Galles da record, si qualificano Islanda e Croazia

Proseguono i match di qualificazione di Euro 2016, che vedono Galles, Islanda e Croazia strappare il pass per il prossimo turno ed affiancarsi alle capoliste Italia, Repubblica Ceca e Belgio; piuttosto deludente invece la prestazione dell’Olanda, clamorosa “big” che abbandona la competizione, mentre inizia l’avventura dei playoff per Bosnia, Turchia e Norvegia.

Dries Mertens Foto di Youri165 - Wikipedia
Dries Mertens
Foto di Youri165 – Wikipedia

GRUPPO A

Lettonia-Kazakistan 0-1: entrambe fuori dagli Euro 2016, le due squadre fanalini di coda in classifica si fermano su uno scialbo 0-1. Si aggiudica la vittoria il Kazakistan che trionfa di misura grazie al guizzo di Kuat, spalleggiato da Smakov.

Olanda-Repubblica Ceca 2-3: all’Amsterdam Arena la corazzata degli orange scrive la parola fine all’avventura europea e si piega dinanzi allo strapotere degli ospiti, primi in classifica nel girone, che passano in vantaggio con Kaderabek. Incapace di reagire, la formazione olandese si espone in molti casi ai velenosi contropiedi degli avversari, senza riuscire ad assicurare un’adeguata copertura in difesa. I Cechi continuano a macinare metri nell’area orange e siglano il raddoppio alla mezzora con una pregevolezza di Sural, lesto ad insaccare nell’angolo beffando Zoet. La disfatta olandese viene completata con il clamoroso autogol di Van Persie, simbolo di una nazionale che dovrà cercare di lasciarsi alle spalle un’annata davvero deludente. Si conclude il match con la rete del riscatto firmata da Huntelaar, a cui segue una pregevolezza di Van Persie, croce e delizia, che si fa perdonare l’errore precedente.

Turchia-Islanda 1-0: già qualificata agli Euro 2016, gli islandesi si concedono un passo falso in casa dei turchi, che si preparano ad affrontare i playoff. Ritmi di gara piuttosto blandi e senza particolare emozioni tra due formazioni che si studiano a lungo senza prevalere l’una sull’altra. Sul finire del match la Turchia, in inferiorità numerica dal secondo tempo dopo l’espulsione di Tore, si prende almeno la tiepida soddisfazione di cogliere la vittoria in casa, grazie alla rete di Inan.

Classifica Gruppo A: Repubblica Ceca 22; Islanda 20; Turchia 18; Olanda 13; Lettonia 5; Kazakistan 5.

 

GRUPPO B:

Belgio-Israele 3-1: ormai con la qualificazione in tasca, la nazionale belga domina da capolista il gruppo, confermando le ottime performance a cui stava abituando i suoi tifosi. Nel proprio territorio i padroni di casa non deludono e svolgono il compitino andando a segno dopo un primo tempo dai ritmi non propriamente elevati: a sbloccare il punteggio ci pensa Mertens, ancora una volta vero e proprio trascinatore della squadra, e raddoppia poi de Bruyne, autore di un calcio di punizione da manuale che disegna una traiettoria imprendibile per il portiere. I belgi calano con Hazard, su assist di Mertens, il tris agli israeliani, che accorciano invano le distanze all’88’ con l’incornata di Zahavi, stella del Tel Aviv.

Cipro-Bosnia 2-2: al GSP Stadium i bosniaci conquistano il terzo posto fermandosi ai playoff. La formazione bosniaca centra il bersaglio dopo pochi minuti dal fischio di avvio: è un vero e proprio capolavoro tecnico la rete di Ibisevic, autore di un missile dalla distanza che spiazza l’estremo difensore avversario. Si riscuote la nazionale cipriota dando vita ad un match ricco di sorprese e divertimento e rendendosi protagonista della rimonta: nel giro di pochi minuti Charalambidis pareggia i conti sfruttando un rimpallo favorevole e Mytidis ristabilisce un’insperata situazione di vantaggio. Non si esauriscono le emozioni al GPS Stadium, dove gli ospiti ricompongono i fragili equilibri del match firmando la rete del 2-2 con Medinjanin, propiziato dallo splendido assist di Lulic.

Galles-Andorra 2-0: centrano l’impresa i padroni di casa, che accedono per la prima volta agli Europei, trascinati questa sera dal genio di Ramsey. Una giornata storica per il Galles che si guadagna il titolo di rivelazione della competizione, e prosegue la sua avventura posizionandosi alle spalle del Belgio capolista. Dopo un primo tempo senza grandi giocate vincenti, il centrocampista dell’Arsenal porta la squadra in vantaggio, che si si consolida con la rete di Bale negli istanti finali.

Classifica Gruppo B: Belgio 23; Galles 21; Bosnia-Erzegovina 17; Israele 13; Cipro 12; Andorra 0.

 

GRUPPO H

Bulgaria-Azerbaigian 2-0: entrambe fuori da qualsiasi mira europea, le due formazioni si fronteggiano in un match che ha davvero poche pretese. I padroni di casa, fuori dai giochi come gli avversari, si tolgono almeno la soddisfazione di uscire dalla competizione cogliendo una vittoria dinanzi al proprio pubblico: al 20′ l’equilibrio della gara si infrange sul gol di Aleksandrov, incalzato dall’ottimo suggerimento in area di Popoi. Prosegue il monologo dei bulgari che nel corso del secondo tempo centrano il raddoppio grazie ad un’intuizione di Roungelov.

Malta-Croazia 0-1: la formazione ospite domina il campo sin dai primi minuti, stazionando stabilmente nella trequarti campo avversaria. In un primo tempo tuttavia privo di grande fiammate offensive, la squadra croata riesce ad imporsi con personalità al 24′, quando sfrutta una clamorosa chance grazie al destro a giro di Perisic, bravo a cogliere l’attimo per sottrarsi alla difesa avversaria.

Italia-Norvegia 2-1

Classifica Gruppo H: Italia 24; Croazia 20; Norvegia 19; Bulgaria 11; Azerbaigian 6; Malta 2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *