Serie A, Palermo-H.Verona 3-2: i rosanero festeggiano la salvezza, Carpi in Serie B

Una vittoria per la salvezza: il Palermo era chiamato a vincere davanti ai suoi tifosi per restare in Serie A; nella 38 esima ed ultima giornata di campionato, i rosanero chiudono infatti il conto al Berbera piegando il Verona per 3-2 in un finale al cardiopalma: un risultato che blinda la salvezza e che condanna alla retrocessione il Carpi, a cui non basta la vittoria ad Udine per continuare l’avventura nella massima serie.

Palermo
Tifosi Palermo. Fonte: Giovanni Mazzola

Il Palermo è pronto a giocarsi il tutto per tutto contro un Verona che oramai non ha più nulla da chiedere a questa stagione a seguito della matematica retrocessione in Serie B: i rosanero fanno invece della trazione anteriore la loro arma migliore sin dai primi minuti di gara ed imbottigliano i gialloblù nella propria area di rigore.

Al 6′ di gioco un brivido scuote già la rete protetta da Gollini: la formazione palermitana prova a portarsi in vantaggio con l’affondo di Trajkovski che serve un ottimo assist per Maresca, impreciso in fase di finalizzazione.

Emerge intanto la superiorità dei padroni di casa che allo scoccare della mezzora siglano la rete del vantaggio: a firmare un gol che vale oro è Vazquez che beffa Gollini con un micidiale diagonale mancino dopo il taglio preciso servito da Hiljemark in posizione defilata. Reagisce la formazione scaligera che prova ad agganciare un faticoso pari: clamorosa l’occasione sprecata da Pazzini che tenta la conclusione dalla distanza ma non riesce a beffare Sorrentino, attento a deviare il pallone e proteggere il vantaggio rosanero.

Prima della sosta negli spogliatoi, Palermo e Verona sono in inferiorità numerica dopo la duplice espulsione di Morganella e Wszolek. Prova negli ultimi istanti ad approfittare la formazione scaligera, che costruisce una buona palla-gol sull’asse Marrone-Ionita ma la rasoiata dell’attaccante viene deviata in presa sicura da un ottimo Sorrentino che chiude il primo tempo salvando il risultato.

Fonte: Giovanni Mazzola
Fonte: Giovanni Mazzola

Cambiano radicalmente le carte in tavola nella ripresa: scende in campo un Verona dal piglio diverso, che prova subito a mettere in difficoltà la retroguardia rosanero e trova la meritata rete del pareggio con Viviani che piega Sorrentino con un diagonale da manuale dopo l’assist del nuovo entrato Romulo.

Pochissimi minuti scorrono sul cronometro ed il Palermo risponde nuovamente al Verona ritornando in vantaggio sul 2-1: l’azione da gol nasce dagli sviluppi di una rimessa laterale affidata a Rispoli, lesto a servire con precisione ed ottima visione di gioco il suggerimento a Maresca, che di gran carriera colpisce di testa il pallone disegnando un pallonetto dalla traiettoria imprendibile per l’estremo difensore scaligero.

Si infiamma il match al Barbera nell’ultima frazione di gara: Palermo e Verona si affrontano a viso aperto e senza esclusione di colpi. Sono però i rosanero a spingere sull’acceleratore e calare il tris davanti ai loro tifosi con la rete firmata da Gilardino, bravo ad agganciare l’ottimo spunto di Cionek e scaraventare alle spalle di Gollini dopo un’incornata vincente.

A riaprire solo parzialmente i giochi, dimostrazione di un Verona motivato a chiudere la propria stagione nel migliore dei modi, il gol degli scaligeri, a segno a 5′ dal triplice fischio con Pisano in una serata che sorride al Palermo che può continuare l’avventura in Serie A.

FORMAZIONE PALERMO (3-4-2-1): Sorrentino; Andelkovic, Gonzalez, Cionek; Morganella, Maresca, Hiljemark, Rispoli; Trajkovski, Vazquez; Gilardino.

FORMAZIONE HELLAS VERONA (4-2-3-1): Gollini; Pisano, Bianchetti, Helander, Emanuelson; Viviani, Marrone; Wszolek, Ionita, Siligardi; Pazzini.

MARCATORI: Vazquez (28′), Viviani (48′), Maresca (52′), Gilardino (64′), Pisano (85′)

AMMONITI: Gilardino (65′), Viviani (68′), Vazquez (86′), Checchin (91′)

ESPULSI: Morganella (35′), Wszolek (35′)

ARBITRO: Irrati (sezione Pistoia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *