Fiorentina, rinforzo e ricambio: da Pizarro a Musacchio, molte voci

Il Calciomercato è già iniziato. L’attenzione della Fiorentina si concentra prioritariamente sulla difesa.

Troppo spesso, in queste ultime partite, si è notata una “sofferenza” e anche qualche distrazione di troppo nella retroguardia viola.

Fonte: Federico Berni
Fonte: Federico Berni

 

Il primo ad essere “saltato” è stato Marcos Alonso, bocciato da Montella che lo ha messo alla prova soprattutto in Europa League: è andato in prestito al Sunderland, in Inghilterra.

Il prossimo a dover fare le valigie potrebbe essere Facundo Roncaglia. Passato da titolare inamovibile (lo scorso anno) a riserva fissa, l’argentino (che comunque ha anche conquistato due mesi fa, la sua prima presenza nella Nazionale Argentina), potrebbe risultare pedina di scambio per l’arrivo in viola di Domenico Criscito, dallo Zenit San Pietroburgo.

Seguito fin dallo scorso gennaio, da Spalletti, Roncaglia potrebbe volare in Russia e permettere alla Fiorentina di assicurarsi le prestazioni di Criscito, il quale realizzerebbe il suo desiderio di tornare in Italia. Il problema più grosso rimane l’ingaggio elevato del calciatore napoletano. Ma Roncaglia potrebbe anche approdare allo Schalke 04 oppure tornare in Argentina, dove l’offerta del Boca Junior c’è, e pare che se ne possa parlare.

Alternative molto interessanti per la fascia difensiva (dove tuttavia, a sinistra, rimane forte la presenza del redivivo Juan Manuel Vargas) sembrano essere il ventritreenne argentino (con passaporto italiano) Mateo Pablo Musacchio, attualmente al Villareal, valore 6 milioni di euro, e già in passato accostato alla società viola; Martin Montoya, giovane talento del Barcellona, anche lui a fine contratto ma dal valore alto del cartellino (circa 10 mln), e Fabio Coentrao, portoghese del Real Madrid, in scadenza di contratto e con il nulla-osta di Ancelotti. Quest’ultimo potrebbe essere il gran colpo di gennaio della coppia Pradè-Macia e sarebbe un calciatore di ottimo livello, in grado di ricoprire anche il ruolo di centrale (come Roncaglia del resto).

Ultima concreta pista, ma con diversi ostacoli e concorrenze, è D’Ambrosio, del Torino (cresciuto nella Primavera viola). I granata sono disposti a parlare, ma Milan e Roma hanno probabilmente carte migliori da giocare per la trattativa.

Passiamo ad analizzare il centrocampo. Il vero obiettivo della Fiorentina è Verratti del PSG  (Lodi infatti, proprio poche ore fa, è passato al Catania) ma francamente pare molto difficile che, a questo giro di trattative, si possa portare in fondo l’affare.  Altro giocatore veramente interessante che, in scadenza, potrebbe arrivare adesso, alla corte di Montella, è Fernando Reges , mediano (brasiliano con passaporto portoghese) del Porto. Così come si potrebbe riaprire il discorso con il PSV Eindhoven, per lo svedese Toivonen, ben valutato da Macia.

David Pizarro è comunque giunto alla fine della sua avventura a Firenze e, da febbraio prossimo, può accordarsi con chiunque perché svincolato. Oltre a questo c’è da notare che il cileno ha più volte espresso il desiderio di tornare in Cile ed inoltre sembra avere avuto recenti contrasti anche con Montella e non essere più “innamorato” del calcio italiano verso il quale, forse, non nutre più nessuna fiducia. Tutto è legato alla sua posizione. E non è facile trovare un sostituto adeguato.

Fonte: Federico Berni
Fonte: Federico Berni

Intanto Bakic può muoversi da Firenze verso una società in cui giocare di più (probabile approdo in Serie B),allo stesso modo di Iakovenko e Wolski, che sono sul mercato e, a questo proposito, sembra che ci siano stati concreti contatti con il Chievo per uno scambio tra uno dei due giocatori viola ed Hetemaj.

Ruben Olivera, già ai margini della rosa la scorsa estate, sarà ceduto, anche a titolo gratuito.

In attacco la Fiorentina, è incerta sul futuro di Ante Rebic, punta di peso, ma che, per il momento non ha avuto spazio e (quando lo ha avuto) non ha reso per quello che doveva e poteva. Ipotesi prestito per giocare di più?

Ma la società gigliata spera di fare il suo miglior acquisto, nel rientro di Mario Gomez. Il calciatore sta iniziando a recuperare dal brutto infortunio e, anche se ogni previsione è nebulosa, potrebbe essere convocato già per la gara contro il Livorno di domenica prossima, per poi scendere realmente in campo mercoledì 8, in Coppa Italia, contro il Chievo.

Se son rose…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy