Copa America: Ramón Diaz sfida l’Argentina, esordio per Uruguay e Giamaica

Al terzo giorno di Copa America va in scena il Gruppo B con gli attesissimi esordi dei campioni in carica, l’Uruguay, e della favoritissima di questa edizione, l’Argentina.

Fonte: Henaohoyos (Wikipedia.org)
Fonte: Henaohoyos (Wikipedia.org)

A La Serena, nel nord del Cile, l’Argentina del Tata martino aspetta il Paraguay finalista perdente dell’edizione 2011 della Copa America che sarà guidato da un personaggio di spessore come Ramón Diaz, ex centravanti dell’Albiceleste nonché allenatore di successo nel campionato argentino.

Don Ramón è ovviamente un veterano della panchina e conosce a menadito la filosofia del calcio argentino: il suo Paraguay giocherà sicuramente una gara difensiva per provare a limitare l’enorme potenziale offensivo argentino che non ha eguali nel mondo. Ordine e cattiveria agonistica sono infatti da sempre il credo dell’Albirroja e il Pelado dovrà riuscire a trasmettere questi valori ai suoi ragazzi per tentare un’impresa eroica che permetterebbe ad una squadra nel vortice di un pesante ricambio generazionale di cominciare al meglio la propria avventura in terra cilena.

L’Argentina però ha tutte le potenzialità per cominciare col botto e ciò lo testimoniano i cinque schiaffoni rifilati alla Bolivia nell’ultima amichevole pre Copa America dove peraltro mancava all’appello un talento che risponde al nome di Leo Messi. Proprio sulle spalle del diez pendono le sorti di una nazionale chiamata a vincere un trofeo che manca nella bacheca dell’AFA dal lontano 1993: la squadra costruita attorno a lui è di livello Mondiale come testimonia il secondo posto iridato ottenuto in Brasile ma alzare la coppa a Santiago è quasi un obbligo per una nazionale che sulla carta non ha rivali all’altezza.

Per la partita di questa sera Messi dovrà far in modo di scappare dalla gabbia costruita da Diaz attorno a lui: al suo fianco non ci sarà un centravanti di ruolo, Aguero agirà da prima punta mentre Di Maria sarà schierato sul lato opposto del campo nella linea degli attaccanti.

Alle 21.00 ci sarà invece l’esordio dei campioni in carica dell’Uruguay che al Bicentenario di Antofagasta affronteranno la Giamaica, alla sua prima storica apparizione in Copa America. La Celeste del Maestro Tabarez rinnovata in più reparti non dovrebbe avere problemi a regolare la modesta compagine centro americana che proverà a salvare l’onore in un girone in cui gli vengono attribuite davvero pochissime chance.

Spazio in campo a Diego Rolán al fianco di Cavani con Abel Hernandez che comincerà dalla panchina; dubbi invece su come verrà schierato il centrocampo dove Lodeiro e De Arrascaeta ancora faticano a convivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy