Genoa, Preziosi vola in Cina: “Convincerò mister Lee”

Il Genoa, dopo la brutta notizia di non poter giocare l’Europa League a causa della mancata licenza Uefa, sta pensando al mercato. Preziosi, come prima cosa, vuole trovare un socio al quale affidare delle quote di minoranza della sua società.

Enrico Preziosi - Fonte: genoacfc.it
Enrico Preziosi – Fonte: genoacfc.it

L’uomo in questione, che potrebbe rilevare una parte del Genoa, è mister Lee. Il patron dei rossoblu sta cercando delle nuove entrare per garantire al club palcoscenici più importanti, visti gli ottimi risultati conquistati quest’anno. I grifoni sono giunti sesti totalizzando 59 punti in campionato ( 16 vittorie, 11 pareggi e 11 sconfitte ). Quarto attacco della Serie A con D. Falque e Pavoletti che hanno veramente stupito. Ecco le parole del presidente rilasciate a ” Il Giornale della Liguria“: “Oggi andrò in Cina a parlare con lui del suo possibile arrivo. Vediamo se riusciremo a chiudere l’operazione adesso o a settembre ma per questa stagione non ci saranno riflessi. Sarà un aumento di capitale, manterrà una quota minore di azioni e io garantirò i soldi. Sono molto stanco di questa situazione, in questi anni ho messo moltissimi soldi nel Genoa e non è solo un sacrificio economico, mi tocca prendere anche gli insulti. Non sono un tipo che molla, ma mi sto stancando parecchio. La Fondazione? Mi avevano detto che i genoani avrebbero partecipato, dando tutto per il Genoa. Invece i soldi ce li metto solo io“.

L’operazione potrebbe chiudersi in tempi brevi. Sarebbe un bel passo avanti per il Genoa che si troverebbe con qualche soldo in più per il mercato estivo.

Infine sulla licenza Uefa dice: “La Uefa? Vorrei chiudere per sempre questa storia. Mi sono preso le mie responsabilità anche se non credo siano mie. La situazione è stata gestita malissimo. Avevamo già ridotto i debiti, bastava saperlo e i 25 milioni che ho messo alla fine li avrei messi prima. Sono incacchiato nero come i tifosi. Queste cose non devono accadere. Dicono che io non voglio fare l’Europa League, ma se ho messo dei premi e li ho pagati anche senza rientrare nella competizione un motivo ci sarà. Rafforzerò la società con un direttore generale che si occupi della parte amministrativa“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy