Milan, parla Galliani: “Momento positivo, obiettivo terzo posto. Sì alla moviola”

Adriano Galliani, intervenuto alla riunione straordinaria della Lega serie A, ha parlato di Milan, moviola in campo e Europa.

Adriano Galliani - Foto: NH Hoteles, flickr.com
Adriano Galliani – Foto: NH Hoteles, flickr.com

Queste le sue parole, raccolte da tuttomercatoweb.com: “Quello che pensavo del presidente Tavecchio l’ho detto l’11 agosto con il voto. Il bilancio delle prime sei giornate è buono. Stiamo vivendo un momento molto positivo a livello societario e tecnico. C’è una grande coesione e volontà di fare che ha contribuito molto il presidente Berlusconi con le sue visite settimanali e, al di là degli 11 punti, lo spirito del Milan di quest’anno è molto diverso da quello dell’anno scorso e spero che le cose vadano meglio della scorsa annata quando sono successi degli episodi che non si erano mai verificati. Per la prima volta nel secolo non è andato nelle coppe europee, abbiamo fatto 13 volte la Champions e 2 l’Europa League. Per la prima volta abbiamo cambiato tre allenatori in 12 mesi. C’era necessità di una presa di coscienza da parte di tutti e la risposta è arrivata a livello di concentrazione e d’impegno. Non sono un indovino e non so dove arriveremo, ma il vento è positivoIl Milan, come obiettivo, ha quello di arrivare in Champions League. Lo abbiamo centrato 13 volte su 15. Il nostro obiettivo è quello di sempre. Da un lato siamo felici di avere un super attacco, dall’altro abbiamo preso effettivamente troppi gol ma l’allenatore ha piena consapevolezza di questo ma nell’ultima partita non abbiamo preso gol e questo è un bel segnale. Il gol è l’essenza del calcio. Meglio una partita con tanti gol che una senza. La regola fondamentale del calcio, da tanti anni, è che vince chi prende meno gol. Con Fabio (Capello ndr.) abbiamo vinto molti scudetti prendendo sempre pochissimi gol. Una grande squadra, se non prende gol, quasi sempre vince le partite. È difficile che finiscano 0-0. Per quanto riguarda la moviola in campo, penso sia una cosa buona. Sono ultra favorevole alla tecnologia e in tutti gli sport ci sono degli aiuti tecnologici. Va stabilito come applicarla con criteri chiari. Ma escludere a priori la moviola mi sembra un errore. Abbiamo gli strumenti, usiamoli. La volontà della FIGC è chiara con la lettera di Tavecchio a Blatter. Sul nuovo ranking UEFA per la Champions, oggi ho fatto una domanda ai miei colleghi e nessuno conosceva le regole per l’anno prossimo. Per i primi tre paesi del ranking europeo, se vince l’Europa League che non va diretta in Champions e potenzialmente possono avere 5 squadre. Dall’Italia in giù, la terza del nostro campionato andrebbe in Europa League. Credo che sia una discriminante troppo pesante e ingiusta“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy