Roma, Cassetti: “Totti, gol da pazzo a Marassi. Spalletti mi ha fatto conoscere un calcio diverso. Sulla mia rete alla Lazio…”

L’esordio in Champions, il primo gol in Serie A, la Coppa Italia, la Supercoppa Italiana. Il ricordo che Marco Cassetti ha della sua esperienza a Roma è di quelli da custodire gelosamente.

Cassetti - Fonte: Wikipedia.org/ Roby Fabulous Fonte
Cassetti – Fonte: Wikipedia.org/ Roby Fabulous Fonte

Il difensore nativo di Brescia, oggi svincolato dopo l’esperienza al Watford, è stato ospite di Slideshow su Roma TV: “Quella con i giallorossi è stata la parentesi più grande della mia carriera. A Roma ho trascorso sei anni stupendi anche se non abbiamo vinto lo scudetto quando ce n’è stata l’occasione”. Inevitabile tornare al famoso Roma-Samp del 2010, quello che indirettamente decretò la fine del sogno scudetto a favore dell’Inter di Mourinho: “Una partita che sto cercando di cancellare, troppo strana. La partita in cui abbiamo giocato meglio sotto la guida di Ranieri. Il primo tempo poteva finire 4 o 5 a 0, ma loro nel secondo tempo con due azioni hanno ribaltato una partita che sembrava impossibile. Era l’ultimo grande scoglio che avevamo davanti e lo si è visto. A fine gara Totti era con le mani nei capelli, Philou piangeva in panchina. Mancavano poche partite alla fine, abbiamo messo tutto noi stessi per vincere le altre ma anche l’Inter fece lo stesso”.

Su Luciano Spalletti, suo tecnico dal 2006 al 2009, Cassetti dice: “Mi ha voluto a Roma, non posso che ringraziarlo. Mi ha fatto conoscere un calcio diverso. Giocare in provincia è un contro, farlo nella Roma è un’altra cosa. Grazie a lui abbiamo espresso un calcio esportato anche all’estero”. Marassi, 26 novembre 2006. Cassetti effettua un lancio da centrocampo indirizzato sull’out sinistro dove c’è Francesco Totti. Coordinazione perfetta, palla nell’angolino: “Un gol incredibile, solo un pazzo avrebbe tirato da lì di sinistro. Francesco è talmente consapevole della sua forza che non c’ha pensato un secondo e ha fatto uno dei gol più belli della sua carriera. Ricordo ancora il pubblico di Marassi che si alzò in piedi e lo applaudì”. Meno bello ma ugualmente importante il gol di Cassetti nel derby, contro la Lazio, nel dicembre del 2009: “E’ difficile esprimere cosa può passarti per la testa quando vedi la palla entrare. Il derby non puoi capirlo se non lo giochi, devi viverlo. A Roma è l’imperativo di ogni squadra, la prima cosa che ti dicono i tifosi è di vincere un derby. Un gol che mi rimarrà dentro e che tutt’oggi i tifosi della Roma mi ricordano”.

 

 

Fabio Tarantino

Fabio Tarantino

Giornalista, nato a Napoli il 19/02/1991

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy