Il Duello: Bonaventura vs Cerci, i big fra le meno big

© Soccermagazine
© Soccermagazine

Il Duello

Hanno già la stoffa dei campioni, ma giocano in squadre che, per quanto meritevoli di rispetto, non possono di certo definirsi big. Giacomo Bonaventura ed Alessio Cerci potrebbero esplodere nella stagione appena iniziata, definitivamente. Domani, i due centrocampisti, si scontreranno in una sfida che, almeno sulla carta, potrebbe essere una sfida salvezza. Mettiamoli a confronti:

Giacomo Bonaventura

Fonte: Ago76
Fonte: Ago76

 

Carriera-Atalantino d.o.c., Giacomo esordisce in Serie A nell’ormai lontano 2008. Nonostante colpisca molto per le sue doti, sono necessari due prestiti affinché i nerazzurri decidano seriamente di puntare su di lui: dopo Pergocrema e Padova, torna a Bergamo nel 2010. Da allora 97 presenze, con 18 goal, che lo confermano un vero e proprio leader per la Dea.

 

Nazionale-A premiare la sua scorsa stagione, la migliore della sua carriera, ci ha pensato Cesare Prandelli, il 31 maggio scorso, inserendolo nell’11 titolare di Italia-San Marino, terminata 4 a 0 per gli azzurri. Per Giacomo, in precedenza, vi erano state sporadiche presenze nelle Nazionali U20 e U16.

Caratteristiche Tecniche-La stagione decisiva per il centrocampista è quella che si estende tra gli anni 2010 e 2011: da centrocampista centrale egli diventa esterno di centrocampo, talvolta trequartista, ruolo che gli consente di consegnare la vittoria del campionato cadetto ai suoi con ben 9 goal all’attivo, in 33 presenze.

 

Alessio Cerci

 

Carriera-Di due anni più vecchio dello “sfidante”, la carriera di Alessio Cerci è una carriera più da giramondo.

Fonte cagliaricalcio.net
Fonte cagliaricalcio.net

Nato nella Roma, passa da Brescia, Pisa ed Atalanta prima di provare a riaffermarsi nella Capitale. Le nove presenze e gli zero goal, però, gli profilano un futuro lontano dal giallorosso. La Fiorentina lo acquista per 4 milioni e lo rilancia nel calcio che conta: due anni, quarantasette presenze, dodici goal. Ventura lo chiama a Torino nel 2012, dove gioca tutt’ora. Quest’anno, per lui, una presenza ed un goal, in Serie A. Che finalmente sia arrivata la sua consacrazione?

 

Nazionale-Alessio ha giocato in tutte le Nazionali minori dall’U16 in poi. Nella Nazionale maggiore ha collezionato cinque presenze ed ha fatto parte anche della spedizione per la Confederations Cup 2013.

 

Caratteristiche tecniche-Può giocare sia come esterno offensivo che esterno di centrocampo. Mancino, preferisce partire dalla destra per accentrarsi e provare il tiro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy