Fiorentina, striscioni della Curva contro la società eppure il tifo scarseggia

Fiorentina-Genoa è iniziata con striscioni apparsi nella Curva Fiesole (la Curva dei tifosi viola) di dissenso e richiesta di impegno verso la società ed i giocatori.

Questi gli slogan scritti sugli spalti della “Fiesole”: “Mandate Pradè, ma la vostra faccia dov’è?“; “20.000 abbonamenti meritano rispetto, innamorati della maglia e non del vostro progetto“; “Undici guerrieri col coltello fra i denti, vogliamo una squadra di combattenti” e “Basta fair play, o palla o gamba“.

Fonte: Federico Berni
Fonte: Federico Berni

La vittoria, ed il fortino eretto dagli undici di Sousa, nell’ultima mezz’ora di gioco, sono la risposta migliore della Fiorentina a tutto questo.

Questa insoddisfazione si perpetua ormai da molto tempo, nonostante la Dirigenza abbia più volte detto e ribadito che la società non è in vendita e che l’impegno è immutato.

Il patron Andrea Della Valle, a fine gara, ha definito la situazione “ambientale” come “inquietante“. E un motivo vero, se c’è, sotto sotto, non è dato di conoscerlo.

La Fiorentina è pronta infatti a rientrare nel Fair Play Finanziario, dimensione economica e gestionale, chiesta da UEFA e FIFA.

Le partenze di Savic e di Joaquin hanno fatto un vuoto nella squadra viola e gli innesti, a parte Astori e Kuba, non sono stati giudicati sufficienti a coprire le carenze.

Il difensore non acquistato è parsa una mossa da “braccino corto” dei Della Valle. La questione dello Stadio nuovo, una lungagnata che si protrae (politicamente e burocraticamente) da anni, è il corollario di un malcontento che, pare, generale.

Così i tifosi della Curva hanno pensato di manifestare, e confermare il proprio dissenso con striscioni ad hoc. Peccato che poi, durante la partita, la Curva Fiesole dia luogo ad un incitamento più simile a una nenia liturgica anziché spingere la squadra con il piglio e la voce che, in anni passati, sono stati determinanti per i risultati (al “Franchi”) della squadra.

Ascoltare, dagli spalti, la Curva Fiesole e guardare lo spettacolo del tifo (tranne che per rare coreografie pre-partita) è diventato un piccolo supplizio, una spinta verso la depressione calcistica più che una situazione coinvolgente.

Forse non ci sono più i tifosi di una volta e forse, non c’è più l’interesse per la squadra come invece vorrebbero far credere.

Resta il fatto che gli striscioni lasciano il tempo che trovano e che, al contrario, la spinta dei supporters sarebbe ancora di aiuto per una squadra che volesse raggiungere qualche risultato.

In definitiva è vero che le partite si vincono tutti insieme, squadra e pubblico, ma, oggi, contro il Genoa, il 12° in campo non c’è stato e hanno vinto, essenzialmente, solo i giocatori in campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy