Serie A, il Chievo vince 1-0 contro il Torino

Il Chievo vince in casa, per una rete a zero, contro il Torino.

chievo
(Chievo Verona a San Siro – Foto: Salvatore Suriano)

Primo tempo: al 9′BRUNO PERES, Il terzino, del Torino, tenta il tiro da fuori area ma respinge Bizzarri con i pugni, sulla respinta Quagliarella viene anticipato dalla difesa del Chievo. Al 18′ di nuovo BRUNO PERES: Il brasiliano dribbla tutti nella sua fascia poi effettua un cross che si trasforma in tiro e sfiora la porta.  Al  30′ tiro dalla distanza di Paloschi, prolungato da Cacciatore, ci arriva Padelli bloccando il pallone con le mani.       Nessuna azione degna di nota fino al  45′: Paloschi cerca di penetrare nell’area di rigore granata ma trova Glik che gli fa opposizione e, per superare il polacco, l’ex Milan è costretto al fallo. Finisce così un primo tempo con poche emozioni.

Secondo tempo: Subito all’ 8′ PALOSCHI  tenta da fuori il tiro rasoterra ma Padelli si allunga e para, Hetemaj poi c’è sulla respinta ma il portiere granata nega il gol anche a lui. Passa un minuto e c’è la risposta del Torino: MOLINARO tenta un tiro diagonale che termina fuori di pochissimo dalla porta difesa da Bizzarri. Al 14′ PALOSCHI  stoppa il pallone in maniera egregia, poi tenta il tiro ma risulta troppo centrale e Padelli para. Al 29′ Hetemaj crossa il pallone in mezzo, Meggiorini tenta la rovesciata e la sua conclusione termina di poco a lato. Un minuto dopo ecco il vantaggio del Chievo: dopo aver superato Moretti, Castro cerca la profondità e da fuori area tenta il tiro e trafigge Padelli. Il Torino prova a pareggiare ma le azioni sono confuse e inconcludenti. Finisce così la partita: 1-0 per il Chievo.

Avatar

Andrea Antoniacomi

Mi chiamo Antoniacomi Andrea, sono di Cortina d'Ampezzo ma sono nato a Pieve di Cadore il 23 febbraio del 1990. Diplomato presso l'istituto "Leonardo da Vinci" di Belluno con il voto di 80/100, dal 2011 studio a Milano presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore, nel corso di scienze della comunicazione politica e sociale. Il mio sogno è di diventare un giornalista, prima pubblicista e poi professionista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy