Stoian più Thereau, e il delfino affoga: Pescara-Chievo 0-2

Punti per la salvezza in palio all’Adriatico: Pescara e Chievo si sfidano nella 29° giornata di Serie A. Nei delfini Togni viene preferito in cabina di regia al posto di D’Agostino; per i clivensi Dainelli non trova posto in difesa mentre Hetemaj prende posto dietro alle due punte.

 

Fonte immagine: ACF Fiorentina
Fonte immagine: ACF Fiorentina

In questi primi minuti sono gli ospiti che costruiscono gioco, mentre i biancazzurri provano ad attaccare con le ripartenze. Al 10′ prima occasione per il Chievo, che con Thereau si trova a tu per tu con Pelizzoli e il portiere riesce a respingere il tentativo di marcatura. Da qui i padroni di casa iniziano a costruire, ma solo al 17′ riescono a fare una vera conclusione, con un colpo di testa di Cascione bloccato in due tempi da Puggioni. Tre minuti e ci prova di testa Cascione su cross di Caprari: palla fuori di poco. Di nuovo combinazione CaprariCascione dalla destra, con il cross sul secondo palo stavolta, ma il risultato dell’incornata è sempre palla a lato. Primo ammonito della gara Bjarnason, che prende il cartellino per proteste. Il Chievo ne approfitta per mandare Paloschi a tu per tu col portiere, ma l’ex Milan viene pescato in fuorigioco. Poi arriva la vera occasione da rete, con un tiro dal limite dell’area di Cofie che si stampa sulla traversa. Rapido cambio di fronte abruzzese che causa l’ammonizione a Sculli: l’esterno prende il giallo per proteste, dopo che un’incursione in area viene fermata da Andreolli con un tocco di mano, giudicato dall’arbitro involontario. Su una ripartenza dei gialloblu, Cosic fa ostruzione su Paloschi e si prende il cartellino giallo. Al 34′ buona occasione per Vukusic, che lanciato sul lato sinistro dell’area, prova la conclusione al volo, parata però dal portiere. Primo giallo anche per i clivensi: è diretto a Hetemaj, che ferma fallosamente da dietro Vukusic in corsa verso la porta. Sulla punizione Togni tenta la conclusione, che finisce alta. Al 37′ di nuovo il Chievo si riaffaccia: cross dalla trequarti di Dramè, Thereau anticipa tutti di testa ma mette la palla fuori. Al 42′ il francese prova a servire Paloschi in mezzo all’area, ma il suo compagno di reparto non arriva sul pallone. Due minuti e stavolta Thereau serve Rigoni, ma non controlla al meglio e il suo tiro viene ribattuto dalla difesa biancazzurra, proprio sul fischio di fine primo tempo, senza recupero.
Nei primi 45 minuti è il Pescara ad aver mostrato più voglia di andare in rete, ma quando arriva ai 25 metri non c’è più costruzione di gioco. Di contro, il Chievo lascia giocare i padroni di casa, ma quando s’è fatto in avanti è andato molto più vicino a segnare.

 

I primi minuti della ripresa vede i clivensi spingere in avanti, ma la retroguardia dei delfini tiene botta e spedisce al mittente le offensive degil ospiti. Prima sostituzione della gara al 12′: Vukusic esce e lascia il posto ad Abbruscato. Al 14′ Frey mette una palla tesa dalla destra, ma nessun compagno è in area e Pelizzoli blocca sicuro. Al 18′ brutto retropassaggio per Pelizzoli, ma il portiere riesce ad anticipare Paloschi e spazza. Secondo cambio per i delfini: Sculli torna in panchina e al suo posto entra Celik. Cambio anche per gil ospiti: Seymour entra al posto di Hetemaj. Al 21′ Caprari tenta l’azione solitaria e prova la conclusione dal limite, ma la palla finisce alta. Rapido cambio di fronte con un lancio per Paloschi che smarca Thereau, ma il tiro del francese prende solo l’esterno della rete. Altri cambi per le due formazioni: nei delfini Quintero scende in campo al posto di Togni; per i clivensi Stoian sostituisce Paloschi. Tra il 24′ e il 25′, Thereau ha due occasioni da rete, ma nella prima tira alto, mentre la seconda viene stoppata dalla difesa avversaria. Dramè al 29′ prova un cross dalla sinistra sulla trequarti, ma assomiglia più a un tiro che finisce alto sopra la porta. Il Pescara si butta in avanti con la forza di volontà, evidente nella voglia di Celik, che prova più volte a sfondare sulla destra, ma i compagni lo lasciano sistematicamente da solo contro tre avversari. Ultimo cambio per gli ospiti: Guana lascia il campo a favore di Luciano. Quintero al 40′ tenta di replicare la spettacolare rete su punizione dalla distanza con la Colombia Under 20, ma oggi il suo tiro è troppo alto. Sul rovesciamento di fronte Luciano viene servito in area, stringe troppo il suo destro sul primo palo e la palla va fuori. A 3 minuti dalla fine si sblocca la partita: Stoian scende palla al piede sulla sinistra, entra in area, si smarca accentrandosi e infila comodamente la palla in rete sul secondo palo. Prova a rispondere subito il Pescara, con un cross dalla destra che Abbruscato di testa manda di pochissimo alto. Altra occasione per la punta ex Torino, che riceve palla dal limite dell’area piccola e manda la sfera a lato. Nel primo dei tre minuti di recupero ammonito Balzano per una brutta entrata su Thereau. Sugli sviluppi della punizione è proprio il francese che, ricevendo palla da Luciano, con un diagonale dalla destra mette la palla in rete alle spalle di Pelizzoli per il goal del 2-0. Si chiude così la partita, con i fischi del pubblico ad indirizzo dei padroni di casa.

 

Il Chievo trova tre punti fondamentali negli ultimi minuti, sfruttando la mentalità degli avversari, ormai devoti solo alle azioni offensive, nonostante una buona parte di gara giocata solo d’attesa. Il Pescara soffre di una specie di amnesia, dato che negli ultimi 30 metri di campo solo un paio di volte sono riusciti a fare un’azione degna di questo nome, il resto sono solo palloni sprecati e passaggi sbagliati. Se vuole provare ancora a salvarsi, deve riorganizzare la fase offensiva.

 

IL TABELLINO
Pescara-Chievo 0-2

Pescara (4-3-3): Pelizzoli; Balzano, Kroldrup, Bianchi Arce, Bocchetti; Bjarnason, Togni (75′ Quintero), Cascione; Sculli (63′ Celik), Vukusic (58′ Abbruscato), Caprari.
A disp.: Perin, Zanon, Cosic, Blasi, D’Agostino, Caraglio. All.: Bucchi
Chievo (5-3-2): Puggioni; Frey, Andreolli, Dainelli, Cesar, Dramé; Guana (83′ Luciano), L. Rigoni, Hetemaj (63′ Seymour); Thereau, Paloschi (74′ Stoian).
A disp.: Ujkani, Sampirisi, Squizzi, Cofie, Papp, Farkas, Jokic, Pellissier, Hauche. All.: Corini
Arbitro: Mazzoleni.
Marcatori: 88′ Stoian (C), 92′ Thereau (C)
Ammoniti: Bjarnason, Cosic, Sculli, Balzano (P), Hetemaj (C)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy