Udinese, il Pagellone 2013/2014: Di Natale immortale, novità Scuffet

La stagione appena conclusasi per l’Udinese è stata decisamente sotto tono rispetto alle precedenti. I bianconeri non sono mai stati in corsa per l’Europa, ma spesso si sono trovati sul baratro della lotta per non retrocedere. Un campionato inusuale per una squadra che ci aveva abituato bene.

Con la Serie A finita, noi di SoccerMagazine.it daremo i voti alla stagione dei friulani, analizzando tutti i protagonisti. Ecco a voi il Pagellone dell’Udinese 2013/2014!

Scuffet - Fonte: genoacfc.it
Scuffet – Fonte: genoacfc.it

PORTIERI
Brkic 6 – Se nella scorsa stagione c’è stata la sorpresa del suo exploit, quest’anno il portiere serbo ha disatteso le aspettative che c’erano su di lui. Condizionato eccessivamente dagli infortuni, ha giocato solo 13 partite nelle quali si è sempre comportato discretamente.
Scuffet 7 – Questo 17enne è la vera perla di questa stagione bianconera. Ha debuttato a febbraio contro il Bologna e un passo alla volta è riuscito a guadagnarsi la maglia da titolare. Molti lo indicano come il nuovo Buffon, ma si sa che il calcio chiede almeno una stagione di consacrazione dopo quella dell’esplosione. Stiamo a vedere curiosi come sarà il suo futuro.
Kelava 5,5 – E’ lui che deve sostituire Brkic nella prima parte di stagione, la prima in Italia del croato, e a delle buone prestazioni si sono alternate alcuni errori che talvolta sono costati la partita ai friulani. In ogni caso la qualità c’è, deve ritagliarsi lo spazio giusto per metterla in mostra.
Benussi s.v. – Inizia come terzo portiere già con le speranze di giocare ridotte all’osso. Con l’arrivo di Scuffet il campo è solo un lontano ricordo.

Heurtaux - Fonte: benoit_caen (Wikipedia)
Heurtaux – Fonte: benoit_caen (Wikipedia)

DIFENSORI
Naldo 5,5 – Non è stata una stagione esaltante per l’ex Bologna. E’ arrivato a Udine per fare la riserva e nelle 13 apparizioni sul campo non ha reso al meglio.
Danilo 6,5 – La terza stagione in bianconero del brasiliano è stata leggermente sotto tono rispetto alle due precendeti: si conferma come leader della difesa, ma alle prestazioni si spessore alterna spesso eccessiva leggerezza in campo. A sua discolpa, non era l’unico quest’anno ad aver avuto brutti momenti.
Bubnjic 5 – Un classe ’92 di buone speranze. In questa stagione però ha mostrato solo quelle: è ancora troppo acerbo per la Serie A, necessita di ulteriore rodaggio.
Basta 6 – Non è il solito Basta: le sue sgroppate sulla fascia hanno perso quel guizzo che a inizio stagione lo rendevano ancora appetibile ai grandi club. Stagione senza infamia e senza lode; se rimarrà in bianconero potrà essere di nuovo un punto di riferimento.
Domizzi 6,5 – Condizionato da qualche infortunio, quando era in campo ha dato la solita sicurezza al reparto difensivo. Rimane il fulcro del reparto arretrato friulano.
Douglas s.v. – Troppe poche tre presenze per essere giudicato.
Widmer 6,5 – Alla prima stagione con l’Udinese ha già entusiasmato gli addetti ai lavori. In molti si sono chiesti perchè Guidolin l’abbia usato con il contagocce, ma è chiaro a tutti che si tratta dell’ennesimo giovane dal futuro assicurato che l’Udinese ha scovato.
Gabriel Silva 6,5 – Sempre più in crescita le quotazioni del brasiliano, dopo una stagione spesa sulla fascia. Scommettere su questo classe ’91 potrebbe essere la scelta giusta.
Heurtaux 7 – Il francese è stato il vero protagonista della difesa bianconera 2013/14. Le prestazioni sono cresciute sul livello di gioco e anche sulla sicurezza. Nonostante qualche incidente di percorso, si sta guadagnando sempre più spazio sulla scena calcistica italiana; presto arriverà anche quella europea.

Pereyra - Fonte: www.pescaracalcio.com/M2F
Pereyra – Fonte: www.pescaracalcio.com/M2F

CENTROCAMPISTI
Allan 5,5 – Dopo una stagione di debutto eccezionale, quest’anno le sue presenze sono state meno della metà, accompagnate da prestazioni poco esaltanti. La stabilità mostrata rimane, ma è mancata la distribuzione del gioco.
Badu 6,5 – Dopo 3 anni e mezzo, arriva non solo la prima rete in bianconero, ma addirittura cinque in tutto il campionato. A centrocampo si conferma un vero mastino, forse un pò troppo.
Mlinar s.v. – Zero persenze, zero commenti da fare.
Jadson s.v. – Come sopra.
Yebda 5,5 – Arrivato a gennaio come rinforzo per la linea mediana, ha fatto fatica a imporsi nella realtà bianconera. Otto presenze totali, la maggior parte subentrando dalla panchina, che non hanno conquistato del tutto. Le qualità comunque ci sono: potrebbe far parte della rinascita dell’Udinese.
Lazzari 6 – Anche per lui una stagione non al top. Qualche infortunio e la competitività gli hanno tolto la continuità necessaria a giocatori come lui per affermarsi.
Bruno Fernandes 6,5 – Portato in Italia lo scorso anno dal Novara, è l’Udinese che ha pensato a mostrargli il grande palcoscenico. Lui ha risposto con prestazioni di qualità sempre crescenti, fino a ritagliarsi uno spazio importante nel finale di stagione. Potrebbe essere il futuro dela fase offensiva bianconera.
Pereyra 7 – Questa terza stagione all’Udinese è stata quella della consacrazione. Guidolin gli ha dato più fiducia e oltre a lasciargli la fascia lo ha impiegato anche per la fase propositiva in avanti. Se la Juventus ha gli occhi puntati su di lui, un motivo ci sarà.
Pinzi 6 – Stagione altalentante: chiamato in causa quando mancava qualcuno in mezzo al campo, è stato comunque in grado di dare concretezza e fiducia.
Zielinski 6 – Il centrocampista polacco ha faticato a vedere il campo in questa stagione, ma le qualità per crescere e far bene ci sono. Sei presenze nella nazionale maggiore a 20 anni non si fanno per caso.

Di Natale - Fonte: ACF Fiorentina
Di Natale – Fonte: ACF Fiorentina

ATTACCANTI
Muriel 5,5 – Doveva essere la stagione in cui, insieme a Di Natale, doveva trascinare l’Udinese. Invece, tra infortuni e prestazioni incolori, il colombiano ha avuto una stagione particolarmente opaca.
Di Natale 7,5 – Guidolin ha provato a fare a meno di lui in qualche occasione, ma inevitabilmente è lui il trascinatore della squadra. E’ ancora poco chiaro se questa è stata la sua ultima stagione o no: in ogni caso rimarrà per sempre nella storia bianconera.
Beleck s.v. – Nessuna presenza per il camerunese classe ’93.
Nico Lopez 6,5 – In comproprietà con la Roma, ha visto poco il campo rispetto alle sue potenzialità. 14 presenze e 3 reti in un anno sono poco al di sotto del suo valore, mostrato in campo in ogni occasione che gli si è presentata.
Maicosuel 5 – Il brasiliano ha provato anche quest’anno a ritagliarsi il suo spazio in Serie A, ma è evidente che uno come lui qui in Italia non può sfondare. Conclusa la stagione, l’Udinese l’ha subito ceduto all’Atletico Mineiro.

Guidolin - Fonte: www.pescaracalcio.com/M2F
Guidolin – Fonte: www.pescaracalcio.com/M2F

ALLENATORE, Guidolin 7 – Nonostante la stagione al di sotto delle aspettative, credo sia giusto riconoscergli il gran merito di essere stato in grado di tenere unito questo gruppo anche nei momenti di grande difficoltà. Lascia la panchina per un ruolo dirigenziale sempre nella società bianconera; per chi prenderà il suo posto sarà una fortuna avere uno come lui che può coprirgli le spalle.

SOCIETA’ 6 – La dirigenza dell’Udinese si è sempre mossa bene e meno della sufficienza non le si può dare. Forse la possibilità di girare i giocatori con facilità a Watford e Granada, le altre squadre di proprietà dei Pozzo, ha destabilizzato l’equilibrio che si era formato negli anni scorsi. Col senno di poi, giocatori come Siqueira, ma anche gli stessi Angella, Faraoni, Merkel e Ranegie, sarebbero potuti tornare molto utili ai bianconeri in questa stagione. Con Guidolin che entra a far parte dello staff degli osservatori, c’è da trovare un valido allenatore che riporti in alto l’Udinese e potrà già contare sull’innesto di Riera, prelevato a parametro zero dal Galatasaray.
 
I TESTI E I CONTENUTI PRESENTI SU SOCCERMAGAZINE.IT POSSONO ESSERE RIPORTATI SU ALTRI SITI SOLO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE. OGNI VIOLAZIONE VERRA’ PUNITA.

Per rimanere aggiornati sulle nostre altre esclusive, vi consigliamo di seguire la pagina fan di Soccermagazine su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy