Bologna-Inter 0-1, le pagelle dei neroazzurri: bene Ljajic, Kondogbia delude ancora

Dopo più di un mese l’Inter torna alla vittoria e riconquista i 3 punti che le permettono di mantenere una buona posizione in classifica (attualmente è prima a 21 punti ma ha una partita in più).

Adem Ljajic (fonte: www.inter.it)
Adem Ljajic (fonte: www.inter.it)

Vittima il Bologna battuto per 1-0 grazie Mauro Icardi, tornato al gol; in mezzo l’espulsione di Felipe Melo.

Handanovic 6,5: all’ultimo minuto salva i suoi, complice anche l’errore di Destro, blindando il successo dell’Inter, poco impegnato ma sempre attentissimo quando viene chiamato in causa.

Santon 6: ancora buona la partita dell’ex Newcastle, dietro aiuta sempre nel momento del bisogno, davanti corre e aiuta, sufficiente.

Miranda 6,5: ancora ottima la partita del brasiliano che il primo errore lo compie sul finire del secondo tempo, per il resto interventi puliti e fatti con la testa, dà fiducia anche a Ranocchia, sempre più pilastro.

Ranocchia 6,5: torna titolare dopo tanto tempo, Mancini lo sceglie decidendo di dare un turno di riposo a Medel e l’italiano, nonostante qualche sbavatura, gioca una partita più che sufficiente, aiutato anche dal compagno di reparto.

Juan Jesus 6: continua l’alternanza con Telles ma anche il brasiliano risponde bene, attento dietro, abbastanza propositivo davanti, la sufficienza non si può negare.

Kondogbia 5,5: anche oggi il francese non brilla, nel primo tempo perde molti palloni, falloso e nervoso, è ancora lontano da quello che ci si aspetta, c’è da lavorare.

Melo 5: la sua espulsione lascia ancora qualche dubbio ma il primo fallo che gli costa il giallo è assolutamente ingenuo; anche lui come Kondogbia oggi non brilla, è apparso sottotono e poco preciso, inoltre non ci sarà contro la Roma, un nota negativa in più.

Brozovic 6: buona la prestazione del croato che, dopo alcune giornate in panchina, torna e non delude, ispirato e incisivo, ha cercato di dare il suo contributo, gli è mancata però un po’ la continuità.

Ljajic 6,5: Mancini gli dà fiducia e il serbo riesce a soddisfare il tecnico, soprattutto nel secondo tempo quando cresce insieme alla squadra, è lui che offre il pallone d’oro a Icardi, si vede a tratti ma quando si vede fa piacere, e dà morale. (86’ Palacio sv)

Perisic 6: oggi un po’ sottotono ma riesce comunque ad offrire palloni utili per i compagni, non brillante come nel scorse partite ma quando riceve l’ispirazione riesce a farsi sempre vedere, senza infamia e senza lodi.(75’ Guarin 6)

Icardi 6: il gol gli vale la sufficienza perché la prestazione altrimenti non sarebbe del tutto positiva; il primo tempo passa con pochi palloni giocabili, rimane spesso isolato, ma oggi esce soddisfatto, il digiuno è rotto ora può ricominciare a lavorare cont tranquillità. (81’ Biabiaby sv)

Mancini 5,5: l’insufficienza dipende dalla difficoltà di effettuare cambi che a volte servirebbero davvero, e dalla difficoltà di ottenere una prestazione valida per 90′; queste le due situazioni su cui deve lavorare con maggiore insistenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *