Champions League: cade ancora l’Arsenal, rimonta il Barcellona

Ritorna la Champions League e come sempre porta con sé tanti goal ed emozioni. Il Barcellona vince in rimonta a pochi minuti dalla fine contro un buon Bayer Leverkusen. Perdono invece Chelsea ed Arsenal, con i Gunners ancora a secco di punti in questa competizione.

Champions League Fonte: Alessandra Fanciano
Champions League Fonte: Alessandra Fanciano

Inarrestabile come sempre il Bayern Monaco che schiaccia la Diamo Zagabria con un sonoro 5-0. I bavaresi sbloccano il risultato dopo un quarto d’ora di gioco grazie ad un contropiede finalizzato da Douglas Costa; Il raddoppio arriva pochi minuti più tardi e porta la firma di Lewandowski che da zero metri mette in rete l’assist perfetto di Thiago Alcantara. Al 25′ è Gotze a calare il tris con un tiro potente ma centrale che il portiere avversario si lascia letteralmente sfuggire dalle mani.

Soltanto tre minuti più tardi Lewandowski fa esplodere di nuovo l’Allianz Arena chiudendo definitivamente la partita mandando in rete un sinistro sugli sviluppi di un corner. Nella ripresa il giocatore polacco sigla la sua tripletta personale beffando Eduardo con un bellissimo pallonetto che mette definitivamente in cassaforte la partita.

Vince in rimonta il Barcellona contro il Bayer Leverkusen con il risultato di 2-1. I tedeschi, che da subito creano problemi al portiere avversario, aprono le marcature al 22′ con un colpo di testa di Papadopulos. Il Bayer arriva anche ad un soffio dal doppio vantaggio quando Bellarabi prova a pungere il Barça con un tiro la veleno, bloccato d’istinto da ter Stegen. Il Barcellona stenta a ripartire e trova la giusta reazione soltanto a dieci minuti dal termine: prima Sergi Roberto insacca da due passi dopo una respinta di Leno, poi un missile di Suarez ribalta il risultato e regala ai blaugrana i tre punti.

Nulla da fare invece per il Chelsea che cade in casa del Porto per 2-1. I padroni di casa, dopo tante buoni occasioni create, passano in vantaggio al 39′ grazie ad André André che sfrutta una ribattuta di Begovic per mettere la palla in rete da pochi passi. Prima dell’intervallo i Blues pareggiano i conti con Willan che batte Casillas con un calcio di punizione. Nella ripresa il Porto torna in vantaggio grazie ad un colpo di testa di Maicon che sfrutta un calcio d’angolo per battere il portiere avversario sul primo palo. La squadra inglese arriva più volte ad un soffio dal pari ma non trova mai il lampo giusto per mandare la palla in rete, permettendo così alla squadra di Lopetegui di conquistare meritatamente la vittoria e la testa del girone.

Cade anche l’altra squadra inglese, l’Arsenal, sconfitta in casa per 2-3 dall‘Olympiakos. La squadra ospite sblocca la gara al 33′ con un tiro dalla distanza di Pardo che attraversa una selva di gambe e finisce in rete. Immediato il pareggio dei Gunners che con un tiro da posizione defilata di Walcott agguantano l’1-1. Prima dell’intervallo però i greci passano nuovamente in vantaggio, questa volta grazie ad un clamoroso autogoal di Ospina che si trascina in porta il tiro di Fortounis. Nella ripresa ci pensa Sanchez di testa a siglare il 2-2, ma al 67′ l’Olimpiakos chiude i giochi con Finnbogason che appoggia facilmente in porta un suggerimento di Cambiasso.

Bene il Valencia che vince di misura in casa del Lione. Gli iberici passano in vantaggio nel primo tempo grazie alla rete di Feghouli, ma rischiano tanto nella ripresa quando si scatena il Lione. Serve un super Domenech per bloccare i tiri della squadra avversaria e permettere al Valencia di salvare il risultato.

Vincono anche Zenit e Dinamo Kiev: i russi si impongono sul Gent per 2-1 grazie alle reti di Dzuyba e al tiro al volo di Matton; a nulla serve il bel pallonetto di Shatov che accorcia solamente le distanze. Gli ucraini battono invece il Maccabi Tel Aviv per 2-0, con le reti di Yarmolenko e Junior Moraes.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *